Rocco Siffredi
|

Rocco Siffredi accusato di molestie sessuali da Cécile de Ménibus | VIDEO

Rocco Siffredi è stato accusato di molestie sessuali da una nota giornalista TV francese, Cécile de Ménibus. La presentatrice, che conduce diverse trasmissioni sportive, ha raccontato alcuni giorni fa durante un’intervista a Malika Ménard a Télé-Loisirs come l’attore porno l’abbia molestata durante un programma TV, La méthode Cauet. L’episodio è avvenuto anche in diretta, come mostra questo filmato recuperato su YouTube

ROCCO SIFFREDI ACCUSATO DI MOLESTIE SESSUALI IN DIRETTA TV DA UNA GIORNALISTA

La giornalista è presa d’assalto da Rocco Siffredi, che la alza, la sposta, la tocca, mima un rapporto sessuale dopo averle divaricato le gambe. Tutti ridono, ma in realtà Cécile de Ménibus è toccata ripetutamente nelle parti intime. La molestia sessuale, secondo il racconto della giornalista TV, è proseguita dietro le quinte della trasmissione. Ecco il racconto di Cécile de Ménibu, in francese, con il testo a fronte come ripreso da Rtl. L’episodio è avvenuto diversi anni fa.

C’est du viol en fait. Ni plus, ni moins, du viol”, a expliqué la Française, ajoutant qu’il s’agissait d’une des pires rencontres de sa vie. En revoyant les images de la scène, Cécile a avoué que c’était encore pénible pour elle de revoir ce moment. Elle a expliqué ce qui s’était passé dans les coulisses après l’émission: “Dans les loges il m’a attrapée, il a enfoncé sa langue dans ma gorge. Il fait 1,90 mètre, je ne pouvais rien faire”, a détaillé l’animatrice. “A l’époque il n’y avait pas les réseaux sociaux, il n’y avait pas de solidarité qui se met en marche. Ça faisait rire tout le mondeÈ stato uno stupro, di fatto, né più, né meno. È stato uno dei peggiori incontri della mia vita. Trovo doloroso rivedere queste immagini. Dietro le quinte della trasmissione mi ha afferrato, mi ha messo la sua lingua in bocca. È altro un metro e novanta, non potevo fare niente contro di lui. All’epoca non c’erano i social media, non c’era la solidarietà che si mette in moto spontaneamente. Tutti ne ridevano.