hacker
|

C’è un pericolo hacker e spie per gli Stati troppo legati a Microsoft

C’è un pericolo hacker e spie per gli Stati troppo legati a Microsoft. A spiegarlo è un’inchiesta pubblicata oggi sul Fatto Quotidiano a firma di Maria Maggiore di Investigate Europe (progetto sostenuto da fondazioni al quale collaborano 9 giornalisti di 8 Paesi europei indagando sullo stesso tema e scambiandosi dati, fonti e risultati del lavoro). L’inchiesta rivela come nei Paesi europei dove le amministrazioni pubbliche utilizzano i prodotti del colosso americano, i cui codici sono più facili da violare rispetto ai software aperti, si corrono maggiori rischi:

“È molto più facile nascondere un virus in un codice chiuso, perché più lungo e più complesso che non negli open source, che hanno sempre una struttura più snella e tutti possono trovare più in fretta una soluzione”, spiega un noto hacker italiano. Lo conferma Joachim Wagner, portavoce dell’Agenzia federale tedesca per la sicurezza digitale (Bsi): “Nel formato chiuso (Ooxml) ci sono circa 6.000 pagine di codici contro meno di 900 pagine nel formato aperto Odf”.

I cyber-attacchi sono la nuova arma nucleare. Ma i governi europei non se ne preoccupano troppo. I recenti attacchi al programma nucleare iraniano con il virus “Stuxnet” (creato dall’agenzia americana Nsa e Israele) e “Regin” che per anni ha spiato le istituzioni e governi europei, sono stati agganciati alle debolezze del sistema Windows.

Dipendere da un solo venditore è un rischio, una “mancanza di sovranità”, spiega il portavoce del Bsi in Germania. Se c’è un problema è tutto il sistema che salta.

 

LEGGI ANCHE > Inchiesta Consip, la presunta manipolazione delle carte (dal Noe) per colpire Matteo Renzi

 

PERICOLO HACKER PER STATI DIPENDENTI DA MICROSOFT

L’inchiesta ricorda anche come Microsoft sia stata complice dello spionaggio delle agenzie di sicurezza americane, rivelato a partire dal 2013 dall’ex agente della Nsa Edward Snowden. E ricorda come, nel 2014, dopo le rivelazioni di Snowden sul controllo degli americani su governi e società europee, il Parlamento europeo abbia chiesto ai governi del Vecchio Continente di «costruire un sistema forte e autonomo basato su sistemi aperti» (come Linux). Maggiore di Investigate Europe conclude affermando che niente in Europa è stato fatto finora, mentre altre potenze si stanno adeguando:

La Cina ha ordinato a tutte le sue pubbliche amministrazioni, società pubbliche e banche di passare al sistema cinese NeoKylin (versione cinese di Linux) entro il 2020. La Russia sta perfezionando il suo StarLinux e lancia Sailfish per gli smart phone. E l’Europa? “Non è la nostra prima preoccupazione”, risponde il direttore generale per il mercato europeo digitale della Commissione europea, Roberto Viola.

(Foto da archivio Ansa. Credit: Silas Stein / dpa)