Fermo: l’ultrà Amedeo Mancini torna a casa. La curva gli dedica uno striscione

amedeo mancini casa

Braccialetto elettronico e domiciliari per l'uomo accusato della morte di Emmanuel Chidi Nnamdi

Amedeo Mancini, l’ultrà arrestato per la morte di Emmanuel Chidi Nnamdi, il richiedente asilo nigeriano ucciso lo scorso luglio a Fermo, è tornato a casa. Si trova agli arresti domiciliari dal 12 ottobre, munito di braccialetto elettronico.

LEGGI ANCHE:

Amedeo Mancini: «Date alla vedova di Emmanuel tutto quello che ho»

Fermo: per l’omicidio di Emmanuel spunta una seconda supertestimone

Omicidio Fermo: Emmanuel non toccò il paletto. La perizia del Ris smentisce i testimoni

AMEDEO MANCINI TORNA A CASA: LO STRISCIONE DELLA CURVA DUOMO

Mancini ha lasciato il carcere di Marino del Tronto, dove ha trascorso tre mesi. Ad attenderlo fuori la sorella e una cugina, che lo hanno accompagnato a casa, dove c’erano il fratello e gli altri parenti. Pur ai domiciliari, Mancini ha libertà di incontro: potrà parlare con chi vorrà e aprire la porta di casa a chi gli farà visita. L’ultrà è apparso sereno anche se non ha voluto rilasciare dichiarazioni. Ieri la curva fermana gli ha dedicato uno striscione: “E quindi uscimmo a riveder le stelle, bentornato fratello”.

Tag: , ,