bufala telefonate poste
|

«50 euro di telefonate in regalo da Poste Italiane». L’sms è una bufala

«Grazie alla tua fedeltà Poste Italiane ti regala 50 euro di credito telefonico gratuito. Vai sul sito www.bancopostaitaliana.it completa l’operazione in 24 ore». È questo il testo di un messaggio che negli ultimi giorni molte persone (centinaia o migliaia, a guardare le segnalazioni) stanno ricevendo sul proprio cellulare o smartphone via sms. È facile comprendere che non si tratta di un’offerta straordinaria per i clienti delle Poste, ma di un tentativo di truffa ai danni di utenti un po’ distratti.

 

bufala telefonate poste
(Credit: Giornalettismo)

 

BUFALA, MESSAGGIO VIA SMS OFFRE 50 EURO DI TELEFONATE

L’sms arriva da un numero ben visibile (3424129292, non siamo in grado di dire se ve ne siano altri ad inviare lo stesso messaggio) e rimanda ad un sito che nulla ha a che fare con il portale della società Poste Italiane. L’homepage di Bancopostaitaliana.it è quasi identica alla pagina iniziale di Poste.it e invita gli utenti ad inserire i propri username e password per accedere ai servizi offerti. È un classico caso di phishing: l’ideatore della truffa tenta di ingannare vittime convincendole a fornire informazioni personali, come dati finanziari o codici di accesso, fingendo di essere un’azienda o un’ente pubblico affidabile.

 

bufala telefonate poste
(Screenshot da bancopostaitaliana.it)

 

Alcuni broswer, come Google Chrome e Firefox, hanno anche cominciato a segnalare il sito come «ingannevole». Utilizzando Chrome, ad esempio, compare la scritta:

«I malintenzionati sul sito www.bancopostaitaliana.it potrebbero indurti con l’inganno a effettuare operazioni pericolose, come installare software o fornire i tuoi dati personali (ad esempio password, numeri di telefono o carte di credito)».

 

 

Ma a chi appartiene quel sito? Il dominio delle pagine ingannevoli, come verificabile dopo una ricerca sul web, è intestato a tale Susanna Fabian. Quello di Poste Italiane, ovviamente, a Poste Italiane spa. Inutile dire che è opportuno fidarsi e utilizzare solo il secondo.

 

 

BUFALA, LAMENTELE SUL WEB

Ad essere stati raggiunti dall’sms con l’offerta fasulla sono stati certamenti in molti. Basta inserire nei motori di ricerca il numero telefonico dal quale è stato inviato il messaggio per scoprire una lunga serie di lamentele. «È sicuramente una truffa!», ha scritto qualcuno. Qualche altro, invece, racconta di non essersi accorto in tempo dell’inganno: «Ho inserito le mie credenziali, ma capendo l’errore madornale sono uscita e da un altro pc ho cambiato password… sarà sufficiente?». Speriamo di sì.

TAG: Bufala