Raggi
|

Virginia Raggi a Di Maio: Muraro ha sbagliato a tacere, tu lo sapevi. Sui rifiuti non so che fare, senza di lei andiamo a casa

Il Fatto Quotidiano di mercoledì 7 settembre riporta la trascrizione di una telefonata tra  Virginia Raggi, il suo portavoce Teodoro Fulgione e Luigi Di Maio in un articolo scritto da Giampiero Calapà, giornalista della testata sin dalla sua fondazione. Un cronista che immaginiamo avrebbe dovuto esser noto almeno a chi cura la comunicazione del sindaco della Capitale. Ecco alcuni brevi passaggi del pezzo che si trova sul Fatto Quotidiano in edicola.

LA TELEFONATA TRA VIRGINIA RAGGI E LUIGI DI MAIO

La telefonata tra Di Maio, Raggi e il suo addetto stampa Fulgione trascritta da Calapà avviene a un ristorante di Testaccio, poco prima di mezzanotte, dopo l’audizione del sindaco e di Paola Muraro alla Camera. Poche ore prima Raggi aveva ammesso di esser a conoscenza di un’indagine sul suo assessore all’Ambiente dalla fine di luglio, e di aver informato i vertici del M5S in merito. Fulgione dice che la deposizione sia stata un atto di autolesionismo, ma Raggi lo corregge subito.

Raggi :“Siamo a rischio su Ama. La situazione è terribile. Dobbiamo capire per cosa è indagata (Muraro, ndr) sinceramente, può essere una bolla di sapone… Fulgione:“Lei ha fatto una cazzata a dire: non sono indagata”. Raggi: “L’avviso di garanzia è una cosa precisa Luigi (Di Maio, ndr), che ti consente di circostanziare. Ci può essere il nulla. Questa sera Stefano (Vignaroli) ha detto che si ricorda che Paola (Taverna) ti ha scritto chiedendo di avvertirti”.

 

LEGGI ANCHE

Sei domande per Virginia Raggi

VIRGINIA RAGGI E IL PROBLEMA RIFIUTI

Nella telefonata trascritti gli interventi di di Luigi Di Maio non sono presenti, anche se più volte Virginia Raggi gli spiega la situazione. Per il sindaco di Roma la presenza di Muraro è indispensabile visto che è l’unica in grado di gestire la difficile situazione dei rifiuti nella Capitale.

Raggi:“Datemi qualcuno, Luigi (Di Maio, n dr ), siamo senza Ama e senza assessore. Io un’altra così non la trovo. O mi dite cosa fare o andiamo a casa… perché non lo so. Sui rifiuti non so che fare”.Fulgione:“Chi sa della mail? Non dobbiamo rivelare la questione della mail. Raggi:“…Dobbiamo vedere le carte, continuiamo a sostenerlo prendendo il tempo necessario…Mettiamo un’altra testa in Ama

Il portavoce Fulgione sostiene che Muraro si debba presentare dimissionaria, e il sindaco Raggi rimarca come una simile iniziativa potrebbe creare un precedente. Senza contare la grave perdita per la sua giunta.

Così andiamo a casa…I cittadini apprezzeranno il riconoscimento dell’errore…Farei un grande post: a meno che lei non faccia un atto chiedendo scusa.