Charlie Hebdo vignetta terremoto Italia
|

Charlie Hebdo e la vignetta choc sul terremoto del Centro Italia

Terremoto all’italiana: penne al pomodoro, penne al gratin, lasagne”. Pensavamo fosse un fake, lo abbiamo sperato, invece no: non è una bufala la vignetta di Charlie Hebdo, firmata dal vignettista Felix, che si prende gioco delle 294 vittime del sisma che ha colpito il Centro Italia il 24 agosto scorso. A pagina 16 dell’ultimo numero in edicola, un uomo e una donna ricoperti di sangue e con i vestiti stracciati sono uno accanto all’altra, i volti sono quelli dell’angoscia, a seguire una montagna di cadaveri, di corpi esanimi sepolti da strati di pasta: un nauseabondo menu tricolore secondo la rappresentazione del settimanale satirico francese. La cui redazione, ricorderete, venne colpita il 7 gennaio 2015 da un attacco terroristico compiuto da Saïd e Chérif Kouachi, fratelli franco-algerini dichiaratisi affiliati di Al-Qaeda: i morti furono 12 – tra cui il direttore Stéphane Charb Charbonnier, Jean Cabu Cabut e Georges Wolinski – 11 i feriti. Quel giorno, e i giorni e le settimane e i mesi dopo, partì la campagna “Siamo tutti Charlie” in difesa della libertà d’opinione e della libertà di stampa. Oggi definirsi tale è davvero difficile.

guarda la gallery:

LEGGI > Siamo ancora tutti Charlie? L’editoriale

CHARLIE HEBDO VIGNETTA TERREMOTO ITALIA

Nella stessa pagina della vignetta sul sisma in un colonnino con una serie di battute leggiamo: “Circa 300 morti in un terremoto in Italia. Non è chiaro se il sisma abbia gridato ‘Allah akbar’ prima di tremare”. Le polemiche sui social network non si sono fatte attendere. La condanna è amplissima ma il dibattito sulla satira è più aperto che mai: in tantissimi ricordano proprio il “Je suis Charlie” che commosse il mondo dopo il tragico assalto alla redazione del settimanale, alcuni difendono la testata leggendo nella vignetta una critica alla classe dirigente italiana e alla “gestione” delle tragedie. Il fumetto contestato, tra le migliaia di condivisioni, è stato rilanciato anche dalla pagina Facebook di Forza Nuova: nei commenti c’è chi invoca l’Isis.

guarda la gallery con i commenti: