Dal rugby al calcio: tutto quello che avreste voluto sapere sulla moviola in campo e altro ancora

Un confronto tra due sport che non hanno molto in comune. Civilizzati contro incivili? O forse, è meglio che ognuno...

Un confronto tra due sport che non hanno molto in comune. Civilizzati contro incivili? O forse, è meglio che ognuno si tenga il proprio gioco

Il rugby e’ uno sport per carrettieri giocato da gentiluomini, il calcio per gentiluomini giocato da carrettieri“. Lo diceva quell’Oscar Wilde recentemente esaltato dal Benigni vate nazional popolare a Sanremo, e chi siamo noi per  dargli contro?  Noi dello sport giocato da gentiluomini siamo sempre pronti a caricarci del nostro “fardello dell’uomo bianco”, faro di civilta’ e tecnologie avanzate, per aiutare i fautori dell’abominevole “giuoco del calcio” a sciogliere le loro ambasce invece che accapigliarsi tra loro (non e’ puzza sotto il naso, bisogna ammetterlo: i calciofili sono ignoranti nel senso che ignorano che c’e’ tutto un mondo fuori dal loro), proponendo alcune soluzioni da noi standard da tempo e raccontando l’effetto che fa. Se non altro per risollevarvi dalle tristizie del turno di Champions, ambiente dall’aria troppo rarefatta e inospitale per le italiane che vi sono arrivate quest’anno. Poi decidete da soli se le novita’ che seguono vi piacerebbe adottarle anche nel calcio, che tanto a noi, guarda …

LA MOVIOLA IN CAMPO – Nel rugby esiste da tempo: in particolari situazioni di incertezza l’arbitro non deve far altro che fischiare, muovere i due indici disegnando un rettangolo in aria a mo’ di Tv e attendere in auricolare il responso che tipicamente arriva entro trenta secondi, cioe’ il tempo per un massaggatore di entrare in campo e passare la borraccia a qualcuno. La soluzione alle incertezze dell’arbitro arriva da colui che nel vostro “giuoco” chiamate “quarto uomo” – un arbitro che non si capisce bene cheffa’, controlla che allenatori e riserve non smoccolino troppo nei loro loculi come una sorta di guardiano dei cessi all’Autogrill? Nel nostro sport invece lo chiamiamo “Television Match Officer” (Tmo) e sta in una stanzetta isolata dello stadio con un tecnico e una moviola. Notare che il reply analizzato dal Tmo va in diretta sul maxischermo del campo e le sue deduzioni sono udite attraverso gli altroparlanti, offrendo al pubblico la massima trasparenza. Pochissimo tempo perso – rido pensando a quelli che: “si ma il calcio e’ uno sport che non puo’ essere continuamente spezzettato”: seee, e i falli, simulazioni e guaiti di dolore inclusi? Il 95% dei casi viene risolto per evidenza pubblica, togliendo carne al fuoco delle passioni del tifosi anche piu’ incarogniti.

L’ESPULSIONE TEMPORANEA - I gentiluomini non si ammoniscono, al limite si avvertono. Dopodiche’ uomo avvisato mezzo salvato, se fanno i recidivi li si manda “a pensarci sopra” per dieci minuti in panchina, lasciando la loro squadra a spingere e a far botte in inferiorita’ numerica: questo e’ il senso del cartellino giallo nello sport per gentiluomini. Ora si fa un gran parlare dell’introduzione dell’espulsione temporanea anche nel calcio – gia’ lo chiamano cartellino arancione”; sappiate che da noi esiste gia’ e funziona bene. Il secondo giallo anche da noi equivale al rosso, estratto direttamente in rari casi di violenza sciocca piu’ che gratuita: il gentiluomo e’ invitato a lasciare il consesso e andare a ricomporsi anzitempo nello spogliatoio.

L’ARBITRO PARLANTE E I DIECI METRI DI PENALIZZAZIONE - Tra gentiluomini l’arbitro possiede un fischietto ma lo tiene in mano, perche’ la bocca gli e’ stata data per parlare non solo per fischiare come un volgare facchino. Quello che dice l’arbitro ai giocatori si sente in tutto lo stadio: durante il gioco avvisa, guida, ammonisce; dopo che ha fischiato, spiega. L’arbitro conferisce coi guardialinee anche loro dotati di auricolare, parla a chi vuole e dice quello che gli pare: uno l’ho sentirlo dire a un giocatore: “hai fatto una inspiegabile stupidaggine” oppure “state giocando bene, non rovinate la giornata a tutti con falli sciocchi come questo“. Tra gentiluomini, ogni decisione dell’arbitro e’ insindacabile e indiscutibile (al pubblico pagante e’ concesso di far buuhhh). Il capitano puo’ chiedere spiegazioni se la cosa non fa perdere eccessivo tempo; se lo fa un altro o sia mai in caso non certo di proteste (non esistono) ma di semplice “dissent” manifesto, la squadra del reprobo perde dieci metri di campo e si becca la punizione piu’ vicino ai suoi pali. Cosi’ impara il rispetto.

NON C’E’ PANCHINA – Nel nostro sport chi gioca sta in campo e chi non gioca si sistema in tribuna. Solo gli australi che di ampi spazi non hanno carenza, sistemano attorno al campo un po’ di cyclette e qualche sedia per i rincalzi, ma nei Paesi civilizzati queste cose non si vedono. A dire il vero attorno alle linee laterali si aggirano strani energumeni con l’aspetto di ex giocatori piu’ che di paramedici, armati di borracce, kit di pronto soccorso e auricolare: sono portaordini-suggeritori in nome del coach, usano le interruzioni di gioco per infortunio per consegnare messaggi tattici segreti ai giocatori. L’allenatore e tutte le riserve stanno in tribuna, tra il pubblico: i secondi vicini al campo come nelle squadre inglesi del vostro sport, i primi invece in alto, magari isolati in una suite vetrata assieme al loro staff. I vantaggi sono notevoli: si evitano teatrinate e sbracciamenti da lavandaie a beneficio del pubblico e del presidente, in alto la partita si vede meglio – solo Lobanowskij allenatore dell’Urss finalista agli Europei mi risulta l’avesse afferrato tra i calciofili; ulteriore vantaggio e’ togliere scuse ai Varriale per divinare i grugniti di un defi con diploma in ragioneria.

E POI? DI CHE PARLIAMO? – Come avete visto mi sono rifiutato di accennare al famigerato “terzo tempo“, quello che secondo i calciofili sarebbe la stretta di mano a fine gara. In realta’ quella e’ roba da pallavoliste, il vero terzo tempo e’ una bevuta e magnata di fine gara tra gentiluomini e invitati/e: non ce’ niente di meglio che una birra tutti insieme, mentre chi t’ha chiuso un occhio un’ora prima ti presenta la cheerleader biondina affiche’ tu gli spieghi nei dettagli com’e’ la mischia chiusa. L’elenco delle cose utili ad elevare e rendere piu’ fruibile il “giuoco del calcio” preso dalle esperienze di vita vissuta di uno sport per certi versi consimile, solo piu’ maturo e responsabile, potrebbe continuare; ma chevvelodicoaffa’, probabilmente il vostro giuoco vi piace cosi’, ambiguo e aperto a ogni esito possibile, come la piuma al vento che oscilla all’inizio e alla fine del film sulla vita di Forrest Gump. Tenetevelo stretto.