Federica Guidi
|

Federica Guidi: «Ho appreso definitivamente di essere persona offesa»

L’ex Ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi, ha parlato con i pm e ha lasciato il palazzo di giustizia di Potenza senza incontrare i giornalisti e senza fare dichiarazioni. Guidi, appena finito il confronto con i pubblici ministeri che indagano sul petrolio in Basilicata, è risalita sull’auto con la quale era giunta a Potenza ed è ripartita. – “Vorrei prima di tutti ringraziare i magistrati per avermi dato la possibilità in tempi così brevi di chiarire questa vicenda così spiacevole per me. Ho risposto a tutte le loro domande. Dal punto di vista giuridico ho appreso definitivamente di essere persona offesa” ha fatto dire la Guidi a una nota rilasciata dopo la deposizione davanti ai pm di Potenza.

Inchiesta Petrolio, Guidi intercettata: «Padoan l’hanno voluto quelli del quartierino»

FEDERICA GUIDI APPARSA COME “SERENA E TRANQUILLA”

La ex titolare del dicastero dello Sviluppo economico ha risposto a tutte le domande. “Assolutamente”, ha commentato il capo della squadra mobile di Potenza Carlo Pagano ai cronisti. Il verbale dell’interrogatorio, durato oltre tre ore, è stato secretato. Prima di essere ascoltata dagli inquirenti, un collaboratore dell’ex ministro aveva fatto sapere che stava valutando se parlare alla stampa, ma che lo avrebbe concordato con la procura. Evidentemente ha ritenuto di evitarlo. L’ex ministro dello Sviluppo economico è arrivata stamane al Tribunale lucano accompagnata da uno staff di cinque persone. All’arrivo un suo collaboratore aveva dichiarato che Guidi era “serena e tranquilla” e che aveva portato con sé agende e materiale di lavoro relativo ai suoi due anni al Mise.

(copertina foto di ANSA/ GIUSEPPE LAMI)