attentato bruxelles
|

Attentato Bruxelles, l’instant marketing vergognoso di Matteo Salvini il “ripulitore”

Attentati Bruxelles: non sappiamo praticamente nulla. Sappiamo che ci sono morti ma non sappiamo quanti sono precisamente. Non sappiamo ancora chi è stato. Non sappiamo chi sono i morti, a quali vite sono stati strappati. Noi non sappiamo niente ma Matteo Salvini sa già tutto e non si è lasciato scappare l’occasione di parlare del suo “programma” elettorale in tema di immigrazione. Lui vuole “ripulire”.

attentato bruxelles

 

Alcune considerazioni su questo vergognoso instant marketing (non è e non sarà l’unico)

– ormai il tempo di reazione degli sciacalli politici e non sulle tragedie è zero.

– uno dei problemi più tragici dell’Europa è che simili posizioni stanno prendendo piede, autoalimentadosi nel loro livore, e facendo ritenere che sia più semplice affrontare i problemi con la pancia che con la testa

– l’attentato di Bruxelles e più in generale il terrorismo a non sono cose che si risolvono con gli slogan

– Cosa vuole ripulire Matteo Salvini? Esattamente come intende rastrellare le “cose” da cui vuole ripulire le città? Come deciderà chi deve essere oggetto di “pulizia” e chi invece no, sempre se intendere fare dei distinguo?

Questa ultima domanda è forse la più drammatica, ed è una delle emergenze da affrontare per tentare di affrontare il problema senza lasciarsi andare agli isterismi. Se prima di dar ragione a simili posizioni vi soffermaste a pensare come, secondo voi, davvero, si possano mettere in atto, scoprireste che è impossibile. Che sono soluzioni senza senso. E chi le propone lo sa.