La lettera di Silvio al Giornale

di - 16/02/2012

Le prime pagine di oggi, giovedì 16 febbraio

Il Giornale della famiglia Berlusconi apre con una lettera dell’ex premier. “Soffro ma spero”, titola il quotidiano diretto da Alessandro Sallusti riprendendo le parole del Cavaliere. Il sommario fornisce qualche dettaglio sul contenuto della missiva: “Ennesimo, violento attacco dei pm di Milano sul caso Mills: ‘Condanniamolo a 5 anni’. Napolitano: le toghe non sono intoccabili. Ingroia bacchettato dal Csm”. Berlusconi denuncia di essere vittima della magistratura e di pagare a caro prezzo la sua decisione di scendere in campo: “Ho la coscienza di aver servito in questi anni con tutte le mie forze il mio Paese, e ne sono ripagato con un accanimento daparte di alcuni magistrati di Milano che non ha eguali nella storia. Si vuole distruggere fino in fondo la mia immagine di uomo, di imprenditore e di politico. Solo io posso sapere quanto male ho subito e continuno a subire per avere scelto la strada dell’impegno politico. Al termine di una vita di lavoro indefesso sia nella mia professione di imprenditore e in seguito nell’impegno politico, sono trattato peggio di un delinquente, con accuse che non trovano corrispondenza nei fatti e che sono state smentite nel corso del processo dibattimentale. La decisione di impegnarmi nella vita pubblica, cercando di trasformare e di cambiare l’Italia, non mi è stata mai perdonata da tutti quei poteri che si sono visti insidiati nei loro interessi e nelle loro ambizioni. Quello che più mi amareggia in questo momento è di constatare fino a che punto la giustizia può essere piegata a pregiudizi di carattere politico e ideologico. Ripeto: solo chi malauguratamente ha la sventura di entrare nel tunnel della mala giustizia può immaginare l’incubo che si sperimenta, la sofferenza che si prova a finire nell’ingranaggio disumano di una giustizia che sembra non rispondere più alle leggi, ai principi fondamentali del nostro ordinamento liberale, alle prove e ai fatti che emergono nel corso dello stesso procedimento”. Oltre alla lettera dell’ex presidente del Consiglio c’è l’intervento di Vittorio Sgarbi nel caso Celentano a Sanremo. Il critico d’arte parla di “moralisti beffati dal loro guru”.

14 Commenti

  1. cui prodest scrive:

    credo che abbia fatto un pò di confusione………si è servito del paese…non ha servito il paese…….una differenza che per lui è una sciocchezza,ma per il paese si è trasformata in un disastro……….

  2. vfangelo scrive:

    Come si fa a dire che Silvio e stato un disastro,peccato che chi scrive il il commento non sia finito come la grecia. Viva Silvio!!!

    • Stoickog scrive:

      Ci stiamo finendo come la Grecia, entro questa estate saremo al collasso con il contante, oltre il 30% delle famiglie non riusciranno più ad arrivare a fine mese, le banche rifinanziate al 1% con i soldi europee e quindi pubblici e cioè nostri, non faranno più credito alle famiglie e alle piccole medie aziende, il consumo sarà sempre più in calo le fabbriche chiuderanno e ci saranno sempre più disoccupati e meno lavoro e molti cittadini non riusciranno più a pagare le tasse e tutto questo mentre il consiglio europeo chiederà maggiori risorse economici al Italia per rientrare nel debito pubblico.
      Tempo un anno e finiremo come la Grecia e tutto questo Grazie a Silvio per il suo impegno che in 17 anni di governo non è riuscito a prevedere una catastrofe economica come questa che non ha eguali…

    • annuccia scrive:

      caro Angelo, ma vf… va

  3. Scalfaris scrive:

    Occhio che il giornale di famiglia, come lo chiamate voi, è diretto da Sallusti e non da Belpietro, che è a Libero.

  4. colavecchia&colabona scrive:

    In due mesi di governo monti ha creato la recessione, con un pil negativo:
    Niente ponte sullo stretto, niente olimpiadi a roma. Nessun operaio assunto, la previsione del licenziamento di milioni di operai e non per la modifica dell’art. 18, ma per il fatto che le imprtese italiane strozzate per le tasse vanno a investire e produre in altri paesi dove, tra l’altro, c’è la certezza del diritto. Dove un magistrato istruisce una causa e la manda a sentenza nel giro di due-tre mesi.
    Questo è monti. L’avete voluto.
    Tenetevelo e non rompete le scatole.
    Voi l’avete con l’arcorano, ma non vi domandate il perchè chiamò la tedesca “culona inchiavabile”".
    Io sono convinto che Berlusconi si era accorto del fatto che la culona, a venti anni dell’unificazione, aveva iniziato una delle tante guerre perse della germania contyro l’europa. Questa volta non con i carri armati Panzerkampfwagen, nè con l’atomica, ma con un’arma più potente: l’economia!

    • GIUDA scrive:

      PRIMA COSA: MONTI LO HA VOLUTO ANCHE BERLUSCONI PERCHE’ LUI AVEVA FALLITO SU TUTTA LA LINEA.
      SECONDA COSA: LO SOSTIENE QUINDI LO SOSTIENI ANCHE TU.
      TERZA COSA: LA FIGURA DI MERDA VIVENTE A LIVELLO MONDIALE ALMENO PER ORA NON FA DANNI ED E’ QUESTA L’UNICA COSA CHE MI PIACE DI MONTI,TUTTO IL RESTO NON LO CAPISCO.
      QUARTA ED ULTIMA COSA: MA CHE SEI MASOCHISTA A RIVOTARE IL NANO ALLE PROSSIME EREZIONI? SE SI VATTENE AFF…LO.

      • annuccia scrive:

        Caro Giuda, la dice delle cose condivisibili ma forse non sa che scrivere in maiuscolo nel web equivale ad urlare, e non è solo un modo di dire, è un cosa fastidiosa che interrompe l’armonia della lettura e infastidisce gli occhi e l’attenzione. Non avrei scritto ciò se non avessi notato che lo fa per abitudine in tutti i suoi post…:-)

    • masticazzi scrive:

      Colabrodo ma che cazzo hai bevuto ieri? Se non ci sono i quattrini, illuminaci tu su come poter costruire il ponte sullo stretto.. peraltro utile solo a chi si intasca le mazzette..

  5. michelem scrive:

    gli irriducibili sostenitori dell’arconano mi fanno tenerezza ma anche mi preoccupano perche’ l’Italia ha la memoria corta e potrebbe tornare un altro uomo della Provvidenza (ma e’ sempre possibile un colpo di coda del Berlusconismo).

    Vorrei che qualcuno dei suoi difensori mi facesse vedere, dati alla mano, quali benefici ha portato all’Italia il miliardario ridens? Quali riforme? quali parametri economici misurabili sono migliorati? Qualche liberalizzazione? privatizzazione?

  6. juanne scrive:

    ma corde non ne vendono da quelle parti?? una bella corda al collo e de tutto a posto caro silvio

  7. Lurèns scrive:

    A tutti quelli che sostengono ancora Berlusconi dopo la vergogna che mi ha fatto provare come italiano e il suo massacro dell’Italia su tutti i fronti e economici e sociali, un vaffan.ulo di cuore!!! svegliatevi, cazzo!!

  8. fan culosilvio&claque scrive:

    Ha un bel coraggio questo losco figuro quando parla di fango e di attacchi da parte dei magistrati; Una qualunque puttana di strada, disponeva del numero privato dell’ allopra presidente del consiglio (il migliore degli ultimi 150 anni diceva lui) figuriamoci chi è spandeva fango sul paese che ha sempre detto di amare, prima che la sua incapaicità, lo riducesse ad un paese di merda, come diceva sempre lui al tel con i suoi amici lestofanti delle varie cricche: se ne vada fuori dai coglioni una volta per tutte…di puttanieri statisti, come questo ne vendono un tanto al kg, sono invece i berlusclown difficili da reperire; nonostante le tante facce di cazzo del popolo del ladro , e delle libertà (tutte) al suo confronto son dei dilettanti, poppanti oltre che dei gran leccaculo, compresi tutti gli olindisallusti, i bel_pietro, ed i feltri del mondo!!!!!
    Grazie italioti, avete fatto un capolavoro regalandoci questi deficenti incapaci oltre che gran paraculi!!!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

L'Europa apre ai carburanti alternativi

L’Europa apre ai carburanti alternativi

21:06 Il Parlamento Europeo ha dato il via ad una direttiva che determina lo sviluppo di stazioni di ricarica per auto elettriche e di distributori di metano nei Paesi dell'Unione nel tentativo di ridurre la dipendenza dal petrolio e dalle importazioni. Ma per quanto riguarda l'Italia nonostante la buona volontà sono molti i nodi da sciogliere CONTINUA