Bernie Sanders
|

Bernie Sanders, il socialista che entusiasma i liberal americani

Bernie Sanders

rappresenta una delle grandi sorprese di Usa 2016. Il senatore del Vermont è il principale avversario di Hillary Clinton alle primarie democratiche, e benché sfavorito, è diventato il primo socialista a correre per la Casa Bianca con chance di vittoria. L’America di Bernie Sanders appare uno scenario improbabile, ma l’entusiasmo così come la mobilitazione della base liberal per il senatore del Vermont hanno alcuni tratti in comune con il movimento che ha favorito l’elezione del primo afro-americano alla presidenza degli Stati Uniti.

Bernie Sanders
Win McNamee/Getty Images

BERNIE SANDERS 2016

– Usa 2016 avrebbe dovuto essere una sfida tra le due più grandi dinastie politiche del secondo dopoguerra statunitense, i Bush dal lato repubblicano, e i Clinton nel campo democratico. Da una parte l’unica famiglia che potrebbe contare ben tre presidenti al suo interno, un padre e due figli, ancora meglio degli Adams fermatisi a due, dall’altra invece lo scenario senza precedenti di una ex first lady che assume la guida del Paese. Con un ex presidente come Bill Clinton per la prima volta first husband. Questa ipotesi appare al momento piuttosto improbabile, viste le numerose difficoltà della campagna di Jeb Bush. L’unico ostacolo verso la nomination democratica di Hillary Clinton è invece un avversario il cui arrivo alla Casa Bianca sarebbe ancora più rivoluzionario della prima donna presidente degli Stati Uniti. Bernie Sanders è il primo socialista democratico ad avere una concreta possibilità di diventare il leader della più importante economia mondiale, il Paese simbolo del capitalismo e del libero mercato. Nei sondaggi il senatore del Vermont è rilevato con uno svantaggio piuttosto marcato da Hillary Clinton, e le sue chance di vittoria alle primarie democratiche appaiono relativamente contenute. Ciononostante l’enorme entusiasmo generato dalla candidatura di Bernie Sanders e la sua solidità finanziaria – ha già raccolto il maggior numero di donatori singoli – indicano una forza da non sottovalutare. Un risultato impressionante, sia per le sue posizioni politiche, tradizionalmente marginali nella politica americana, sia per le caratteristiche personali del senatore del Vermont. Politico anziano, e da più di tre decenni nelle istituzioni, capace di mobilitare folle record e moltissimi giovani in una fase di enorme impopolarità di Washington Dc. Bernie Sanders è esploso nell’opinione pubblica progressista grazie alla sua schiettezza, al suo stile particolarmente diretto, e a posizioni socialdemocratiche affini al pensiero di milioni di liberal, sfiduciati dai compromessi al ribasso prevalsi durante l’amministrazione di Barack Obama. L’anima progressista dell’elettorato democratico, che aveva spinto l’attuale presidente alla sorprendente vittoria contro Hillary Clinton alle primarie 2008, si sta infiammando per una sfida ancora più improbabile di un afro-americano alla Casa Bianca, la nomination di un socialista. Bernie Sanders non ha mai rinunciato alla definizione di socialista democratico, nonostante in America questa collocazione politica sia sempre stata tanto marginale, quanto osteggiata dalla maggior parte delle persone. Il senatore del Vermont rivendica in particolare il suo apprezzamento per il Welfare state costruito nei Paesi scandinavi, citati come modello per gli Usa.

LEGGI ANCHE > Presidenziali USA 2016 Come funzionano le primarie

LEGGI ANCHE > DONALD TRUMP, LA SUA STORIA

 

Bernie Sanders
BRENDAN SMIALOWSKI/AFP/Getty Images

BERNIE SANDERS SOCIALISTA

La lunghissima carriera politica di Bernie Sanders si è svolta prevalentemente nell’area più progressista del sistema politico statunitense. Nato a New York da genitori ebrei, durante l’università a Chicago il futuro candidato alle presidenziali era attivo nell’ala giovanile del Partito socialista d’America. Militante nel movimento per i diritti civili lanciato da Martin Luther King negli anni sessanta, Bernie Sanders ha iniziato il suo percorso nelle istituzioni come esponente della Liberty Union, partito socialista attivo nel suo Stato del Vermont, e protagonista nel movimento contro la guerra in Vietnam. Dopo aver abbandonato la formazione socialista, e aver lavorato come falegname e documentarista, Bernie Sanders è diventato sindaco della più grande città del Vermont, Burlington, all’inizio degli anni ottanta, correndo come indipendente. Da quel momento è sempre stato nelle istituzioni: quattro mandati biennali da primo cittadino, rappresentante al Congresso e infine senatore. Un percorso durato più di 30 anni, caratterizzato da numerosi successi elettorali e alcune sconfitte, come il primo tentativo di entrare al Congresso. Bernie Sanders ha però corso sempre come da indipendente, avversario dei Repubblicani e spesso anche dei Democratici, almeno all’inizio della sua carriera. Il Vermont, Stato prevalentemente rurale ma culturalmente progressista, lo ha eletto regolarmente, nonostante la sua “marginalità” politica. Prima da rappresentante e poi da senatore Sanders ha scelto di affiliarsi al gruppo parlamentare dei Democratici, mantenendo fede nelle sue convinzioni socialdemocratiche, vicine in realtà a quelle di molti liberal. Appena entrato al Congresso , all’inizio degli anni novanta, l’unico rappresentante del Vermont è stato tra i fondatori del Progressive caucus, il sottogruppo parlamentare che unisce i deputati democratici più orientati a sinistra. Nel 2006 la candidatura a senatore del Vermont di Bernie Sanders è stata appoggiata dal partito di Barack Obama e Hillary Clinton, che a partire dalla fine degli anni novanta ha deciso di non ostacolarne più le corse parlamentari. Un accordo particolare, che prevedeva la corsa di Sanders alle primarie democratiche, e successivo rifiuto della nomination in caso di vittoria. Bernie Sanders si è dimostrato imbattibile nel suo Stato, e nel corso degli oltre due decenni trascorsi a Washington Dc ha costruito un largo seguito anche a livello federale. Il senatore del Vermont è stato uno dei parlamentari più critici contro le guerre di George W Bush, e si è contraddistinto per le sue battaglie contro Wall Street e politiche economiche troppo favorevoli alle grandi società e ai redditi più elevati. Solo sulle norme limitanti il possesso delle armi Bernie Sanders ha abbandonato il fronte progressista, anche a causa dell’anima rurale del Vermont.

Bernie Sanders
Scott Eisen/Getty Images

BERNIE SANDERS CAMPAGNA

La campagna presidenziale di Bernie Sanders è contraddistinta da una forte attenzione ai temi più cari alla sinistra americana. Il senatore del Vermont propone università pubbliche ad accesso gratuito per chi passa i test di ingresso, con tasse sulle speculazioni borsistiche per finanziare questa spesa statale. Bernie Sanders critica la tradizionale posizione dei Democratici, che prevedono sussidi e facilitazioni fiscali per i debiti degli studenti, contratti per pagare le elevate tasse universitarie. Allo stesso modo il senatore del Vermont ritiene insufficiente Obacamare, proponendo una riforma sanitaria basata su una assicurazione pubblica universale che paghi le spese mediche degli americani, il cosiddetto single payer, sul modello del programma di Welfare più popolare degli Stati Uniti, Medicare, riservato ai soli over 65. Fedele al suo credo socialdemocratico, il senatore del Vermont vuole difendere e aumentare il Welfare statunitense. Bernie Sanders sostiene una politica fiscale di sostegno ai ceti medio-bassi, basata sull’aumento delle tasse per le grandi aziende, tramite la cancellazione delle numerose agevolazioni di cui beneficiano, un incremento del carico tributario sui contribuenti più ricchi, e una diminuzione per i redditi più bassi. Il tema ricorrente della sua campagna è il contrasto all’ineguaglianza esplosa in questi anni negli Stati Uniti, che ha eroso la forza di quella che era la classe media più benestante del mondo. In materia di lavoro Bernie Sanders propone un corposo aumento del salario minimo federale, e un radicale contrasto ai trattati di libero scambio, come Nafta, Ceta, TTIP o TPP, ritenuti responsabili della delocalizzazione dei posti di lavoro. Un tema fondamentale della campagna del senatore del Vermont è la riforma del finanziamento politico, per evitare una deriva oligarchica della democrazia americana. Bernie Sanders è un acceso avversario della sentenza della Corte Suprema Citizen United, che ha garantito alle aziende, alle associazioni come ai sindacati, di finanziare illimitatamente la politica tramite l’istituzione di comitati non organici alle campagne elettorali. Coerentemente al suo messaggio Bernie Sanders ha rinunciato a istituire un super pac, rinunciando a sicure ingenti somme, per ricevere denaro sottoposto ai controlli e ai limiti di donazione federali. Convinto sostenitore della lotta contro il global warming, il senatore del Vermont si è sempre caratterizzato per la sua ostilità a una politica estera e di difesa nazionale troppo interventista. Sanders è contrario anche ai bombardamenti contro l’ISIS, visto che ritiene già eccessivo l’impegno militare degli USA in Medio Oriente. Sui diritti civili il senatore del Vermont propone posizioni liberal, anche inconsuete per i candidati alla presidenza degli Stati Uniti, come la sua contrarietà alla pena di morte. Anche sulla marijuana Bernie Sanders ha preso una posizione di aperta rottura con le politiche di “guerra alla droga” lanciate da Ronald Reagan e non cancellate dalle amministrazioni democratiche Clinton e Obama.

 

Bernie Sanders
Joe Raedle/Getty Images

HILLARY CLINTON

Le primarie democratiche 2016 potrebbero essere una cavalcata trionfale per Hillary Clinton, oppure un duello lungo tra la ex Segretaria di Stato e Bernie Sanders. Al momento i dati delle primarie invisibili – endorsement tra i vertiti democratici e raccolta finanziaria – indicano un quadro a metà tra questi due scenari, con Hillary Clinton chiaramente favorita per la nomination. Lo dicono i sondaggi, piuttosto stabili nel rilevare un ampio vantaggio nelle intenzioni di voto a livello nazionale, come il quasi unanime appoggio raccolto dalla ex first lady tra eletti e dirigenti dei Democratici.

Bernie Sanders - sondaggi

Nessun collega al Senato o governatore, così come solo due rappresentanti, si sono schierati ufficialmente per Bernie Sanders. Molto più solida è invece la rete finanziaria che ha permesso al senatore del Vermont di superare per primo il milione di donatori singoli. Il senatore del Vermont ha raccolto oltre 41 milioni di dollari dall’inizio della sua campagna, secondo gli ultimi dati pubblicati e relative ai primi tre trimestri del 2015. Hillary Clinton lo sopravanza a 77 milioni, ma tra giugno e settembre i due principali sfidanti per la nomination democratica hanno raccolto quasi la stessa quantità di denaro, 29 a 26 milioni di dollari. Escludendo l’ex first lady, Bernie Sanders è il candidato con il miglior fundraising personale, decisamente superiore anche ai repubblicani che ricevono la maggior parte delle loro risorse via super pac. La solidità finanziaria del senatore del Vermont è un segno tangibile della forza della sua candidatura, come è certo l’entusiasmo suscitato in una parte consistente dell’elettorato liberal. I comizi stracolmi di persone, così come quantità ingenti di denaro raccolte, sembrano indicare una via “obamiana” alla nomination, con tanto di replica della sfida a Hillary Clinton.

Bernie Sanders

C’è però una significativa differenza tra il senatore del Vermont e l’attuale presidente, che rende particolarmente complessa la sua sfida all’attuale favorita per la nomination democratica. Nel 2008 Barack Obama era diventato il candidato sostenuto dall’elettorato colto, progressista e prevalentemente metropolitano, che sta appoggiando la corsa di Bernie Sanders. Il solo appoggio dei liberal non avrebbe però permesso al presidente di battere Hillary Clinton, un’impresa riuscita grazie al pressochè unanime sostegno degli elettori afro-americani. I neri sono la minoranza etnica più fedele ai Democratici, e se nel 2008 si erano schierati in modo compatto per Obama, ora invece sostengono Hillary Clinton. Anche le altre minoranze etniche, come ispanici e asiatici, sono orientati verso l’ex first lady. Bernie Sanders è un candidato relativamente poco conosciuto tra le minoranze etniche, anche perché il suo Stato di provenienza, il Vermont, è molto piccolo, e popolato quasi esclusivamente da bianchi. La demografia non è un destino in politica, ma Bernie Sanders potrà vincere la nomination solo e se diventerà competitivo con Hillary Clinton tra neri e americani di origine ispanica.