paola taverna vaccini
|

Paola Taverna shock: «Non si può pensare che ci si debba vaccinare per andare a scuola»

«Non si può pensare che le persone debbano essere vaccinate per poter andare a scuola». La senatrice Paola Taverna boccia così l’ipotesi avanzata negli ultimi giorni di rendere obbligatorie le vaccinazioni per chi si iscrive a scuola (gli assessori alla Sanità hanno messo a punto una proposta di legge). Intervistata al raduno Italia 5 Stelle di Imola la capogruppo del Movimento 5 Stelle a Palazzo Madama ha manifestato la sua contrarietà rispetto alla possibilità di vaccinare tutti i bambini obbligatoriamente.

 

 

VACCINI, PAOLA TAVERNA: «SI CREA ALLARMISMO PER DARE FALSE SOLUZIONI»

«L’obbligatorietà del vaccino – ha detto – sappiamo non essere al momento percorribile per come la vedono loro. Non si può pensare che le persone debbano essere vaccinate per poter andare a scuola». E ancora, una corsa verso l’irresponsabilità, rincara la dose: «Si crea dell’allarmismo per dare delle false soluzioni. Noi vogliamo dare delle soluzioni a dei problemi reali». E poi «I vaccini – ha affermato ancora Taverna – sono in alcuni casi utili e in altri casi abbiamo scoperto che sono a vantaggio delle case farmaceutiche e poco dei cittadini». E quali sarebbero questi casi? Come è potuto eventualmente succedere? Che prove ha la Taverna di tutto questo?

La senatrice M5S non ha risparmiato attacchi al governo: «La meraviglia è che ci sono tavoli di lavoro, professori e medici che non vengono mai ascoltati. Non dimentichiamo che le ultime azioni da parte del ministero della Sanità sono state quelle di togliere analisi cliniche. Mettiamo al centro i medici e andiamo avanti condividendo con i cittadini: noi siamo portavoce della società civile, ben venga qualunque informazione che ci arriverà dal mondo scientifico per poter operare nella maniera corretta.».

Alle parole di Paola Taverna si sono seguite diverse reazioni critiche in rete. Su Twitter ha commentato anche qualche suo collega, come il senatore Lucio Romano.

 

(Foto di copertina: Corriere Tv)