|

Comunali Roma, quattro sondaggi: M5S sempre avanti sul Pd

Nei giorni che hanno preceduto le dimissioni di Ignazio Marino è trapelato il timore del Pd rispetto all’ipotesi di tornare alle urne in primavera. Secondo le indiscrezioni riportate dalla stampa il Partito Democratico non vorrebbe correre il rischio, con le elezioni anticipate, di lacerarsi e consegnare la città di Roma nelle mani del Movimento 5 Stelle. Probabilmente non si tratta di preoccupazioni infondate. A dimostrare che il partito di Beppe Grillo può davvero conquistare il Campidoglio sono infatti tutti i sondaggi politici sulle intenzioni di voto nella Capitale effettuati negli ultimi mesi. Da giugno ad oggi tutte le rilevazioni (effettuate da alcuni dei principali istituti demoscopici che monitorano la popolarità di partiti e dei leader politici) hanno attribuito al M5S un margine di vantaggio sui Democratici. Un margine tra i 2 e i 6 punti percentuali, che potrebbe perfino allargarsi dopo l’ultimo scandalo che ha travolto Marino. Ecco tutti i numeri a confronto.

 

sondaggi roma

LEGGI ANCHE: Scherzo telefonico, Marino al finto Renato Zero: «Stiamo scuotendo poteri e privilegi»

 

COMUNALI ROMA, 4 SONDAGGI: M5s SEMPRE AVANTI SUL PD –

Il sondaggio sulle Elezioni Comunali a Roma effettuato lo scorso 19 giugno dalla società Tecnè (reso noto nel corso della puntata di Porta a Porta del 30 giugno) ha attribuito al Movimento 5 Stelle il 32% di consenso contro il 26% del Pd, l’11 di Forza Italia, il 7 di Fratelli d’Italia, e il 4 di Sel, Lega Nord e Area Popolare. Il sondaggio realizzato tra il 29 giugno e il primo luglio da Demos&Pi e Demetra (pubblicato il 3 luglio su Repubblica) ha assegnato invece il 30% ad un candidato del M5S, il 28% ad un candidato della coalizione di centrosinistra e il 16% ad un candidato dello schieramento di centrodestra. Dati che sono stati confermati anche dalle rilevazioni più recenti.

 

sondaggi comunali roma coalizioni

Il sondaggio di Ipr Marketing con interviste realizzate tra il 25 e il 27 luglio (diffuso il 30 luglio, ancora nel corso della trasmissione Porta a Porta) ha segnalato il Movimento 5 Stelle al 34%, il Partito Democratico al 28%, sia Forza Italia che Fratelli d’Italia all’8, sia la Lega Nord che Sel al 5, Area Popolare al 3 e, infine, l’Italia dei Valori all’1,5. Ultimo sondaggio in ordine cronologico è stato effettuato tra il 9 e il 23 settembre da Termometro Politico per Affari Italiani e Radio Radio. Ebbene, l’ultima rilevazione ha indicato il M5S al 29%, il Pd al 25%, la Lega Nord al 16, Fratelli d’Italia al 7, Forza Italia al 6, Sel al 4 ed Ncd all’1. Insomma, in vista del voto di primavera (a questo punto è molto probabile il ritorno alle urne) i 5 Stelle non possono che essere davvero fiduciosi.

(Foto di copertina: Ansa / Massimo Percossi. Tabelle: Giornalettismo)