paola taverna a quinta colonna
|

Paola Taverna a Quinta Colonna: «Sull’immigrazione Lega non è credibile»

La Lega? «L’ho vista fare campagne elettorali e governare. Sull’immigrazione non è credibile». Renzi non è di sinistra, il reddito di cittadinanza sì. E Marino? «Sta più all’estero che a Roma». Parla così Parla Taverna a Quinta Colonna in un’intervista rilasciata stasera a Paolo Del Debbio.

 

LEGGI ANCHE: Lo scontro fra Renzi e l’Ue sulle tasse in Italia

 

PAOLA TAVERNA A QUINTA COLONNA: «LEGA NON CREDIBILE»

«Una cosa che la fa arrabbiare? Il menefreghismo. Credevo ci fosse la possibilità di un dialogo su alcuni temi che interessano i cittadini, come il reddito di cittadinanza», ha affermato la senatrice del Movimento 5 Stelle. Che ha preso le distanze da ogni forza politica anche sul tema dell’immigrazione. «Sono 20 anni che vedo la Lega parla di immigrazione, l’ho vista fare campagne elettorali e governare. Ultimamente l’ho vista votare in Europa contro quella che era la spartizione dei migranti per le varie nazioni che compongono l’Unione Europea. La Lega non è assolutamente credibile. Oggi l’immigrazione è un problema immenso, che va affrontato con serietà. Per essere un paese serio dobbiamo dare risposte serie. L’unica risposta seria è innanzitutto avere gli strumenti per sapere chi ha diritto a stare in Italia e chi dev’essere rimpatriato».

PAOLA TAVERNA A QUINTA COLONNA: «PERIFERIE? LA POLITICA NON SE NE OCCUPA PERCHÈ NON VANNO A VOTARE»

Un’emergenza, quella dei migranti, a cui sono legati anche i fatti di Mafia Capitale. Che la Taverna ricorda per attaccare la classe politica che dice di voler sostituire. «Tutte le cooperative che si occupavano di migranti lo facevano a scopo di lucro», dice. Parlando di Roma, poi, e delle periferie, la senatrice dice: «La politica non si occupa di periferie perché non vanno più a votare. Sono quelle che non ci credono più. Sono quelle delle case popolari, dell’emergenza abitativa. Sono quelle delle persone a 400 euro al mese di pensione. Oggi quando si fanno delle scelte e si dà un voto politico bisogna farlo con grande senso di responsabilità, e se si dà un voto politico a chi è stato l’artefice dello sfacelo forse non è consapevole di quanto accaduto».

PAOLA TAVERNA A QUINTA COLONNA: «GRILLO? HA UN CUORE IMMENSO»

E sul reddito di cittadinanza, invece, 780 euro per chi non ha lavoro: «È il punto di programma sul quale spendiamo di più», sottolinea Taverna. E, quando Del Debbio gli ricorda che Renzi dice che quella proposta non è di sinistra, la senatrice risponde: «Renzi è di sinistra, mi scusi?». «Renzi – è la critica di Taverna al premier sul tema del reddito di cittadinanza – ci fa capire che incostituzionale». Non sono mancate le critiche al sindaco di Roma Ignazio Marino: «Questa è un amministrazione che non funziona. Abbiamo messo i cartelli ‘Cercasi sindaco’. Il sindaco sta più volta all’estero che qui. Non abbiamo i mezzi pubblici, i cumuli di rifiuti sono ovunque». E non sono mancati nemmeno gli elogi a Beppe Grillo: «È una persona con un cuore immenso, più di una volta ho pensato che primo o poi avrebbe detto basta, ma continua a regalarci l’energia per credere in qualcosa che sembrava un sogno. Ma più andiamo avanti e ci rendiamo conto che è possibile».