|

Il botta e risposta tra Zerocalcare e Romafaschifo divide il web

Il botta e risposta tra Zerocalcare e Romafaschifo divide il web tra chi appoggia il fumettista e chi invece dà ragione al blog che dal 2008 raccoglie “l’indignazione, le denunzie e le segnalazioni di migliaia di cittadini nei confronti della scandalosa situazione in cui versa la città di Roma”. Ma cosa è successo veramente?

LA MANIFESTAZIONE – Sabato 28 febbraio Matteo Salvini, manifesterà a Roma con Lega e Casapound per dire no al Governo Renzi. Contemporaneamente, un cartello chiamato “MaiConSalvini”, effettuerà una contromanifestazione per “destare l’attenzione dell’opinione pubblica sui pericoli che il progetto politico di Salvini porta con sé”. Tra i promotori dell’iniziativa c’è proprio Zerocalcare, che scenderà in piazza assieme a diversi centri sociali, associazioni lgbt, antirazziste, migranti, comitati di lotta per l’acqua pubblica, circoli Anpi, sindacati di base, Rifondazione e chi più ne ha più ne metta.

maiconsalvini

LA DOMANDA – Michele Rech, in arte Zerocalcare, quando ha dovuto dare spiegazioni sul perché partecipasse alla manifestazione ha citato tra i vari problemi che affliggono Roma anche il blog RFS. «A Roma abbiamo un sacco di robe che negli anni ci siamo portati appresso – ha detto il fumettista – come Mafia Capitale, i “palazzinari” e i vari siti come Romafaschifo, ma se c’era una cosa di cui potevo vantarmi con i miei amici del nord era che non avevamo la lega». La risposta non è piaciuta a Romafaschifo, la cui risposta non ha tardato ad arrivare.

LA REPLICA –

«Cosa vi ricorda questa calata, questo approccio, cosa vi suggeriscono queste semplificazioni, questo frasario, questa superficialità, questo rassicurante senso di vuoto intellettuale? – Si chiede il blog RFS – A noi ricorda il modo di fare dei liceali romani. Zerocalcare parla come un individuo che ha la metà dei suoi anni. Parla come un sedicenne. “Aho nun ze potemo accollà a Lega, era l’unica cosa per cui pijavo per culo l’amichetti miei der norde”. Non sembra scherzare quando si esprime in questo modo. Questo è sufficiente, per la sua complessità intellettuale, a giustificare una mobilitazione».

E ancora:

«Nato fuori Roma, cresciuto all’estero, scuole private altolocatissime (a dar credito a Wikipedia), un’eccellente carriera di disegnatore per poi finire a recitare la parte, a 31 anni, del liceale ribelle coi soldi di papà (non lui, che guadagna bene grazie al suo talento, ma ciò che rappresenta). Anzi di babbo, visto che l’antagonista romano delle occupazioni in realtà sarebbe nativo di Arezzo».

Sulla manifestazione:

«Quattro cazzari da centro sociale si tolgono lo sfizio di far casino, di imbrattare mezza città, di manifestare laddove non è consentito, di creare disagi, di palesare la loro coattaggine, ma il risultato finale è che Salvini non fa che aumentare la sua presa sulla nostra città. E questo è intollerabile».

Ma perché tutto questo astio verso un sito web al punto da paragonarlo a personaggi come Buzzi e Carminati? «Visto che qualcuno mi chiede spiegazioni – chiarisce Zerocalcare – per me Romafaschifo è uno dei mali di questa città – dice – Ma non perché invita al senso civico o a non buttare le cartacce per terra o non parcheggiare in seconda fila, che sono le cose di buon senso per cui suppongo alcune persone che stimo seguono quella pagina, ma perché esprime un livore vomitevole e ai confini dello psichiatrico verso i poveracci, i clochard, e chi vive per strada.  Il senso civico senza la solidarietà è una cosa vuota e pure pericolosa, e per me chi fomenta odio e alimenta la cultura della delazione fa male a questa città. Pensavo – conclude – che sta cosa trasparisse dai miei fumetti anche quando scrivo o disegno di cazzate, se non è così chiedo scusa: adesso che è scritto nero su bianco ognuno si può fare i conti suoi».