|

Dopo una lunga malattia Monica Scattini è morta a 59 anni

Morta poco fa in un ospedale romano, dopo una lunga malattia, l’attrice Monica Scattini. La notizia è stata riportata dall’Ansa: secondo quanto si apprende, la Scattini, 59 anni compiuti lo scorso 1 febbraio, era malata da tempo.

Foto: Cosima Scavolini/LaPresse
Foto: Cosima Scavolini/LaPresse

MONICA SCATTINI È MORTA –

Monica Scattini era figlia del regista Luigi Scattini e la sua carriera ha vantato moltissime apparizioni tra cinema e televisione, sopratutto in commedie, dove spesso interpretava il ruolo della tipica toscana benestante.

Guarda le foto: 

MONICA SCATTINI, I FILM E I PREMI –

L’esordio sul grande schermo è nel 1974, nel film Fatti di gente perbene di Mauro Bolognini. Presto arrivano ruolo sempre più importanti in lavori firmati da registi blasonati come Ettore Scola, per il quale recita in La Famiglia, e Mario Monicelli (indimenticabile il personaggio di Milena in Parenti serpenti). Insieme al successo cinematografico arrivano anche i primi riconoscimenti: nel 1983 la Scattini vince il Nastro d’Argento per la Migliore attrice e, nel 1994, arriva il David di Donatello per il suo ruolo in Maniaci sentimentali di Simona Izzo.

Una delle sue ultime interviste a Effetto Notte di TvSat2000

 

LEGGI ANCHE: I veneti contro Oliviero Toscani: «Imbriagon? Dacci 5 milioni»

 

MONICA SCATTINI, TRA CINEMA E TV –

Negli anni Novanta Monica Scattini appare in diverse commedie dirette da Carlo Vanzina e Christian De Sica, mentre ottiene ruoli televisivi in serie di spicco come Elisa di Rivombrosa, Un ciclone in famiglia e, per la Rai, nella fiction Lo zio d’America. Nel 2009 recita a fianco di Daniel Day Lewis, Nicole Kidman e Penélope Cruz nel musical di Robert Marshall, Nine. Non si tratta della prima esperienza internazionale per la Scattini, che nel 1982 era stata diretta da Francis Ford Coppola in Un sogno lungo un giorno. La sua ultima apparizione cinematografica è del 2014, nel film di Giovanni Veronesi Una donna per amica, dove interpreta Elga.

(Photocredit copertina: Ernesto Ruscio/Getty Images Entertainment)