|

Moncler: Stefano Gabbana contro tutti su Twitter

Stefano Gabbana nelle ultime ore è nell’occhio del ciclone per via di un tweet pubblicato in risposta a Report la scorsa domenica, in risposta al servizio della trasmissione di Raitre sulla produzione dei capi Moncler. Tale tweet non è piaciuto al pubblico che ha risposto prendendosela con lo stilista che a sua volta ha risposto puntualmente a ogni attacco con una veemenza tale da far credere a più di qualcuno che in realtà potesse trattarsi di un fake. Ma non era così.

 

stefano gabbana twitter report (2)

 

STEFANO GABBANA CONTRO TWITTER – Stefano Gabbana ha risposto così a Report, nel corso della trasmissione: «ma voi sapete cos’è il lusso???».

A onor di cronaca, Report aveva scritto: «Oche spiumate vive per interminabili minuti. Le riprese di #Report all’interno di un allevamento d’oche in Ungheria»

Apriti cielo. Da questo scambio di battute è nata una specie di guerra a mezzo web durata poi per tutta la giornata di ieri. Molti utenti se la sono presa con Stefano Gabbana chiedendo cosa fosse il lusso per lui, ricevendo dallo stilista talvolta commenti puntuali:

LEGGI ANCHE: Moncler porta Report in tribunale

IL PROBLEMA DELLA RETE – Rispondendo ai vari utenti, Stefano Gabbana ha poi manifestato quello che è, secondo lui, il problema. Ovvero dover difendersi da persone che insultano e che impediscono alle persone di esprimersi:

Anche perché chiedendo lumi sul concetto di lusso, lui non ha avallato in alcun modo la tortura delle oche per ottenere piume per piumini, dicendo di aver risposto ad un’altra affemazione:

Anche perché lui la trasmissione non l’ha vista

inoltre ha spiegato che eventuali proteste o manifestazioni davanti alle attività D&G non farebbero certo male, anzi:

Ed ha anche confermato che non è un fake. Bensì è proprio lui:

E dopo questi scambi di opinione, Gabbana ha dato un suo giudizio su Twitter. E certo non è lusinghiero: «Era un po’ che Nn frequentavo Twitter, ma è diventata una discarica di gente che ha solo voglia di litigare X il niente…»