|

Il team anti-Satana di Papa Francesco

In questi giorni a Roma si sono riuniti 300 sacerdoti specializzati nella lotta contro il demonio. La squadra ha ottenuto quest’anno un nuovo statuto in Vaticano: si tratta di un formale riconoscimento giuridico da parte della Congregazione per il Clero. Papa Francesco ha mandato un messaggio al Congresso in cui invita gli esorcisti «In comunione con i propri vescovi» a manifestare «l’amore e l’accoglienza della chiesa verso quanti soffrono a causa dell’opera del maligno». Secondo quanto riportato dalla Radio vaticana, dal Congresso emerge che vi sia stato un aumento di vessazioni, ossessioni e possessioni diaboliche, che sarebbero legate a pratiche come occultismo, satanismo ed esoterismo. Anche andare dal mago di fiducia quindi può apire la strada verso le porte dell’Inferno.

Foto: AP Photo/Gregorio Borgia/LaPresse
Foto: AP Photo/Gregorio Borgia/LaPresse

«IL DIAVOLO ESISTE» – Francesco Bamonte, presidente dell’Associazione nazionale degli esorcisti, spiega che «La presenza di un sacerdote esorcista in una diocesi è importantissima: la sua mancanza infatti induce spesso la gente a rivolgersi a maghi, cartomanti, fattucchiere, sette». Se a molti tutto ciò può far ridere, lo stesso non si può dire del Pontefice: «Qualcuno di voi, forse, non so, può dire “Ma, Padre, che antico è lei: parlare del Diavolo nel secolo XXI!”. Ma guardate che il Diavolo c’è! Il Diavolo c’è! Anche nel secolo XXI! E non dobbiamo essere ingenui eh? Dobbiamo imparare dal vangelo come si fa la lotta contro di lui», ha dichiarato il pontefice lo scorso mese di aprile.

Leggi anche: Papa Francesco ai centri sociali: «Avanti con la lotta»

«IL DIAVOLO SA PIÙ TEOLOGIA DI TUTTI I TEOLOGI MESSI INSIEME» – L’incontro tra gli esorcisti e il papa arriva pochi giorni dopo che Bergoglio ha parlato del Big Bang con i rapresentanti del mondo scientifico, cercando di conciliare il dialogo tra fede e ragione. Ma il pontefice sul Diavolo ha un’idea ben precisa «Il Diavolo è intelligente, sa più telogia di tutti i teologi insieme», ha detto  facendo riferimento al’episodio delle tentazioni di Gesù nel deserto quando Satana usa le scritture per cercare di far cedere il figlio di Dio. Insomma, per Bergoglio la parola del Signore può essere usata per allontanare i credenti dalla religione e da Dio stesso, ma non solo, perché il maligno, tra le altre cose «vuole distruggere la famiglia», che «non è mai stata così tanto sotto attacco». Non rimane altro che affidarsi ai vangeli per allontare il Demonio, in attesa che qualcuno carichi un tutorial apposito su Youtube.

(Photocredit: AP Photo/Gregorio Borgia/LaPresse)