|

I cardinali che non salutano il Papa per ripicca

Le aperture del Vaticano alla comunione per i divorziati creano malumori tra gli alti prelati al punto che alcuni cardinali non hanno salutato il Papa sul sagrato di San Pietro al termine della messa di beatificazione di Paolo VI. È il retroscena raccontato dal quotidiano romano Il Messaggero in un articolo a firma di Franca Giansoldati.

 

Papa Francesco, messa per il Sinodo e la beatificazione di Paolo VI (Foto da archivio LaPresse: AP Photo / Andrew Medichini)

 

NIENTE STRETTA DI MANO – Solitamente i porporati si mettono in fila e attendono il proprio turno per esprimere le proprie parole di conforto o una stretta di mano al Pontefice, ma ieri alcuni di loro, a quanto si apprende, sarebbero andati via prima proprio mentre si celebrava la fine del Sinodo sulla famiglia, un cammino che richiede l’apporto di tutti. Il mancato saluto a Papa Francesco non è dunque sfuggito. E non è sfuggito chi tra i cardinali ha negato un saluto al Pontefice. Mancavano il cardinale tedesco Gerhard Ludwig Müller, prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, il cardinale americano Raymond Leo Burke, prefetto del Supremo tribunale della Segnatura apostolica, l’austriaco Walter Brandmüller, ovvero i cardinali che più di tutti si sono esposti in questi ultimi giorni contro le aperture del Sinodo. Sia Muller che Burke che Brandmuller risultano firmatari del manifesto contenente le ragioni del no alla comunione ai divorziati.

(Foto copertina da archivio LaPresse: AP Photo / Alessandra Tarantino)