|

Le 20 meteore della musica che ancora ti chiedi che fine abbiano fatto

Sono apparsi dal nulla, sfondando le classifiche di mezzo mondo con una canzone perfetta, di quelle che ti fanno cantare e ballare per una stagione intera e anche oltre. Gruppi o cantanti che, con un solo singolo, hanno lasciato il segno nella storia del pop e del rock e che poi… non sono più riusciti ad eguagliare il loro primo straordinario successo, continuando le proprie carriere in sordina o passando ad altri progetti musicali ma, in definitiva, lasciando tutti a chiedersi «Chissà che fine hanno fatto?» ogni volta che quel pezzo fa capolino da qualche stazione radio vintage. L’industria musicale li chiama One-hit wonder, vere e proprie meteore musicali che, dopo averci regalato il classico “singolone” sono – chi più chi meno – tutti spariti dal circuito delle major musicali. Queste canzoni, però, le ricordiamo tutte con nostalgia e gratitudine. O quasi.

1. The Knack – My Sharona (1979)

 

2. The Buggles – Video killed the radio star (1979)

3. Patrick Hernandez – Born To Be Alive (1979)

 

4. Nena – 99 Luftballons (1984)

 

5. Soft Cell – Tainted Love (1982)

 

6. Dexys Midnight Runners – Come On Eileen (1982)

 

7. Toni Basil – Mickey (1982)

 

8. A-ha – Take on Me (1985)

 

9. Gerardo – Rico Suave (1991)

 

10. Vanilla Ice – Ice Ice Baby (1990)

 

LEGGI ANCHE: Le 12 merende degli Anni ’80 con le quali sei cresciuto – Foto

 

11. Right Said Fred – I’m Too Sexy (1991)

 

12. Los del Río – Macarena (1995)

 

13. Meredith Brooks – Bitch (1997)

 

14. Sasha – If you believe (1998)

 

15. Chumbawamba – Tubthumping (1998)

 

16. Lou Bega – Mambo N°5 (1999)

 

17. Andreas Johnson – Glorious (1999)

 

18. Baha Men – Who Let the Dogs Out? (2000)

 

19. Tribalistas – Já sei namorar (2002)

 

E per finire… L’orgoglio italiano: che fine ha fatto Er Piotta? (Risposta: continua a fare musica, ma rimanendo legato al mondo dell’Underground. Eppure quel “Supercafone” un po’ ci manca…)

20. Piotta – Supercafone (1999)

(Photocredit copertina: YouTube/LouBegaVEVO)