“Prostituirsi in cambio di favori? Segno di civiltà”

22/09/2011 - di

“In un mondo in cui c’è un uomo ricco e potente cui si rivolgono donne che vogliono entrare nel mondo dello spettacolo è il segno che la società occidentale funziona”. Parola di Giuseppe Cruciani, giornalista e conduttore radiofonico, intervenuto nel corso della trasmissione mattutina di Raitre Agorà, condotta da Andrea Vianello. Nel corso del talk show in cui si dibatteva dell’argomento “Berlusconi: la morale divide il Paese” Cruciani ha difeso la pratica della vendita del proprio corpo: “E’ così! E’ così! Nella società occidentale, negli Stati Uniti, in America, in Francia, in Italia esiste – continua – una minoranza di uomini e donne che si rivolgono all’uomo potente, all’uomo che governa il mondo dello spettacolo, della politica, o dell’industria per ottenere qualche cosa. Quello è il segnale che la civiltà occidentale funziona, che esiste la libertà. Un’altra società sarebbe una società talebana.  Vendere il proprio corpo è il segnale che esiste la libertà”.

52 Commenti

  1. marcovalmar scrive:

    Condivido pienamente l’opinione di Cruciani e dei vari commentatori che la pensano come Alessandro. Tutti gli altri mi sembrano delle vecchie comari in cerca di attenzione, le quali fanno tanti discorsi senza senso.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

Jean-Claude Juncker , EMMANUEL DUNAND/AFP/Getty Images

L’UE e il piano da 300 miliardi di Juncker

19:42 Il presidente della Commissione ha promesso un'importante mole di nuovi investimenti per stimolare la crescita. I vincoli del bilancio comunitario, le regole di contenimento del debito e il credito a tripla A concesso dalla Banca europea degli investimenti rendono però quantomeno dubbia l'efficacia delle idee finora illustrate dall'esecutivo comunitario. CONTINUA

Germania under attack

Germania under attack

19:26 La scelta di Parigi di portare il deficit al 4,4 per cento nel 2014 e quella di Roma di spostare il pareggio di bilancio al 2017 hanno messo in allarme Angela Merkel. Che però ha qualche problema anche lei CONTINUA