|

La pornostar che inguaia il capo dei neonazisti tedeschi

Amburgo: Dopo la cacciata di Ina Groll, la pornostar allontanata dai neonazisti dell’NPD per aver fatto sesso con un uomo di colore, ora il partito di estrema destra ha un altro problema da affrontare. Infatti Peter Marx, segretario di partito, avrebbe partecipato ad una festa di compleanno con alcune pornostar, tra le quali Ina Groll, durante la quale è stata servita anche una torta a forma di pene, cosa che non è piaciuta all’interno del partito.

Ina Groll / Peter Marx / Penis-Kuchen

RISCHIO DIMISSIONI – All’interno dell’NPD molte persone si sono chieste cosa ci facesse Marx in mezzo a «quella gente», tanto che il segretario del partito ora rischia di dover dare le dimissioni. Secondo quanto riportato da Spiegel Online il leader dell’NPD Udo Pastörs ha chiesto al segretario di fare un passo indietro. Ora il partito deve solo decidere quale sarà il destino di Marx. Ai critici non è andato giù il fatto che abbia festeggiato con la Groll, il cui motto, prima di essere allontanata dal partito era »Il nazionalismo può anche essere sexy». Per molti la festa di compleanno con le pornostar e la torta a froma di pene non sono altro che altri errori che si vanno ad accumulare ad altri, come ad esempio le casse del partito vuote, oppure il fatto che Marx abbia sempre fallito quando ha corso per le europee. Nell’NPD dicono di non aver più bisogno di lui.

Leggi anche: La pornostar cacciata dai neonazi per aver fatto sesso con un uomo di colore

LA POSIZIONE DI MARX – Per Marx nel partito c’è «sempre stato malcontento» e ha aggiunto di non accettare che gli venga imposto quali persone frequentare e quali no: «Se vengo invitato ad una festa di compleanno non ho la presunzione di poter stabilire chi può venire e chi no». Marx andrà a spiegare la sua posizione alla riunione del consiglio, ma ha già le idee chiaare «Io resto segretario generale, non c’è la maggioranza dei voti per farmi dimettere». Nel mese di dicembre Pastörs aveva parlato di “disciplina” e “mano forte”, ora ha la possibilità di dimostrare che quelle sue parole erano vere, visto che le foto incriminate non gli sono piaciute affatto.