|

I cinque misteri aerei più famosi degli ultimi 60 anni

La sorte del Boeing 777 della Malaysia Airlines, sparito con 239 persone a bordo a largo del Viet Nam mentre viaggiava da Kuala Lumpur verso Pechino, è ancora un mistero. La pista del terrorismo sembra ormai quella privilegiata dagli inquirenti: se una fonte coinvolta nelle indagini, rimasta anonima, ha svelato come l’aereo sparito in mare si sia «disintegrato in volo», non pochi quotidiani hanno rilanciato l’ipotesi di un dirottamento. Diversi indizi lasciano aperta la possibilità dell’attentato, anche se non ci sono conferme ufficiali: i piloti non hanno lanciato alcuna richiesta di “sos”, nonostante in base ai radar dell’aviazione malese il velivolo avesse invertito la rotta poco prima di sparire, tentando di rientrare verso Kuala Lumpur. Allo stesso modo si indaga sulla presenza a bordo di alcuni passeggeri con passaporti rubati. Le ricerche restano ancora senza risultati: nemmeno le tracce oleose raccolte nel Mar della Cina meridionale ed analizzati in laboratorio appartengono al B-777 delle Malaysia Airlines, come hanno confermato le autorità malesi. Una chiazza di petrolio era stata trovata domenica, 185 km a nord della spiaggia di Tok Bali, a Kelantan, poco più a sud dello spazio aereo dove l’aereo è sparito. «Le analisi di laboratorio hanno dato esito negativo», ha però spiegato un portavoce della Maritime Enforcement Agency malese. Come ha spiegato la Abc, non è il primo mistero legato ad aerei spariti nel nulla.

Aereo scomparso Malaysia 2

L’AEREO SPARITO A LARGO DEL VIET NAM E I PRECEDENTI – Abc ha ricordato come, nel corso degli ultimi 60 anni, numerosi siano stati i casi di aerei scomparsi che hanno catturato l’attenzione dei media e dell’opinione pubblica. «Diversi misteri sono stati risolti soltanto dopo il recupero della scatola nera dell’aereo, che registra i dati di volo e le voci dalla cabina di comando», si legge. Tra questi c’è stato il caso del volo 447 dell’Air France. Fu un disastro aereo nel quale persero la vita 228 persone, durante un viaggio intercontinentale partito da Rio de Janeiro, in Brasile, diretto all’aeroporto Charles de Gaulle di Parigi, in Francia. Per molti mesi la causa dell’incidente rimase un mistero.

Aereo scomparso Malaysia 6
Photocredit: Getty Images

L’aereo precipitò il 1 giugno 2009 nell’Oceano Atlantico. Alcuni corpi delle 228 vittime furono recuperati nei giorni successivi, ma per due anni non vennero trovati né i resti del velivolo né la scatola nera, recuperati dal fondo dell’oceano soltanto nel maggio 2011. Le indagini, durate complessivamente tre anni, furono ostacolate dalla mancanza di testimoni oculari e di tracce radar attendibili. Soltanto nel luglio 2012 fu reso noto il rapporto delle indagini, secondo cui a causare l’incidente fu una combinazione di errori tecnici e di supervisione da parte dei piloti addestrati. Uno dei sensori di velocità dell’aereo aveva funzionato male, inviando letture sbagliate alla cabina di guida.

IL VOLO TWA 800 – Il 17 luglio 1996 furono 230 le persone a perdere la vita dopo l’esplosione, poco dopo il decollo, del volo di linea della Trans World Airlines Twa 800, partito da New York e diretto Roma (con scalo a Parigi). Il velivolo precipitò nell’Oceano Atlantico al largo di East Moriches, New York.

Aereo scomparso Malaysia 7

Sull’esplosione non mancano ancora oggi i dubbi. Nel rapporto ufficiale, stilato nell’agosto del 2000 dopo un’indagine di 4 anni, venne indicata come probabile causa dell’incidente l’esplosione dei vapori di carburante in un serbatoio (dopo un possibile corto circuito, non provato). Restano però ancora diverse ricostruzione complottistiche sulle cause del disastro. La più nota è quella secondo cui a colpire il velivolo fu un missile lanciato da terroristi o da una nave della US Navy. Altri ipotizzarono l’esplosione di una bomba in volo o una collisione con frammenti di un meteorite.

 VOLO USAIR 427 – Un altro noto incidente aereo fu quello che coinvolse l’aereo di linea Boeing 737-3B7 della compagnia aerea US Airways. L’8 settembre 1994, nei dintorni di Aliquippa, nella contea di Beaver (Pennsylvania) il velivolo partito da Chicago e diretto all’Aeroporto Internazionale di Palm Beach (Florida) si schiantò a causa di un malfunzionamento del timone. Persero la vita 132 persone. Anche in quel caso furono necessari quattro anni di indagine per scoprire cosa avesse causato l’incidente.

Aereo scomparso Malaysia 8

 

IL MISTERO DEL FLYING TIGERS LINE FLIGHT 739 – Il Flying Tigers Line Flight 739,  un Lockheed L-1049H Super Constellation noleggiato dall’esercito degli Stati Uniti, scomparve il 15 marzo 1962 nel Pacifico occidentale. A bordo c’erano 96 militari americani, oltre al personale di bordo, diretti verso Saigon, in Vietnam. Tutte le 107 persone sul volo sono state dichiarate morte. Ma non è mai stata identificata alcuna causa della scomparsa, avvenuta dopo lo scalo per il rifornimento in Guam, la più grande e meridionale isola dell’arcipelago delle Marianne.

PAN AM FLIGHT  7 – Nel 1957 fu invece il Pan Am Flight 7 a sparire nell’Oceano Pacifico, mentre era in volo da San Francisco alle Hawaii.  Il relitto del Boeing 337 fu poi trovato una settimana dopo dalla portaerei della Marina delle Filippine, che individuò corpi e detriti galleggianti nel mare a nord est di Honolulu. Mai furono chiarite le cause dell’incidente aereo, nel quale morirono 44 persone. Un altro mistero: nessun segnale di soccorso fu inviato dai piloti, mentre i rapporti tossicologici rivelano un tasso di monossido di carbonio nei corpi dei passeggeri recuperati superiore ai livelli considerati normali.