“Il MoVimento 5 Stelle si ribella a Beppe Grillo e alla Casaleggio”

04/07/2011 - di

La Stampa riporta le reazioni dei militanti dopo la gita in Val di Susa Un fenomeno web che non accetta più totem, in piena metamorfosi: l’articolo di Jacopo Jacoboni sulla Stampa è un’analisi puntuale della fase che sta attraversando il

La Stampa riporta le reazioni dei militanti dopo la gita in Val di Susa

Un fenomeno web che non accetta più totem, in piena metamorfosi: l’articolo di Jacopo Jacoboni sulla Stampa è un’analisi puntuale della fase che sta attraversando il MoVimento 5 Stelle di Beppe Grillo & Casaleggio, con i sommovimenti che al suo interno non accettano più etichette. Del primo episodio raccontato da Jacoboni abbiamo diffusamente parlato qui:

Mentre Beppe Grillo ieri portava la sua voce in Val Susa a quelli che si battono contro laTav, sul blog peerates. org Alessandro, uno dei sostenitori dei suoi meet up, commentava amaro: «Grillo mi ricorda un po’ quella scena di Fight club, dove il protagonista perde il controllo del progetto Mayhem, che continua anche senza di lui e contro il suo volere». E il fatto è questo ormai: dopo l’uno-due elezioni amministrative-referendum, sono sempre di più i sostenitori o semplici cittadini che non accettano più l’equazione movimento-uguale-Grillo, e non tollerano più imetodi dell’antico ispiratore. Non è la prima volta che accade, in questi anni, ma ora il malessere ha un senso particolare perché investe la domanda: che facciamo dopo le vittorie elettorali? Il casus belli risale al 18 giugno, le discusisoni duravano ancora ieri.Grillo convoca una riunione a porte chiuse a Milano – di solito avvengono ogni sei mesi – in cui, col divieto di far riprese e raccontare all’esterno (!), prova a strutturare una forma di coordinamento. Se ne occupano due uomini, i fratelli Davide e Gianroberto Casaleggio, che con la loro azienda gestiscono da anni il sito e la strategia del comico di Genova.

Il meccanismo di nomina non piace:

L’incontro, dalle 11 alle due emezzo di pomeriggio, nomina (non elegge) quattro figure, Matteo Olivieri (Reggio Emilia), documenterà i progetti realizzati nelle città; David Borrelli (Treviso), si occuperà delle liste; Vito Crimi, di Brescia, analizzerà e coordinerà i programmi sui vari territori; infine Vittorio Bertola, di Torino, che ha il compito di ritoccareMovable Type, il sistema su cui gira il sito Grillo, per creare una piattaforma informatica per condividere tutto il lavoro prodottodai consiglieri grillini in Italia. Normale, Grillo si dà una struttura, sia pure leggerissima. Ma lui o qualcun altro per lui? Luca B., dei meet up bolognesi, domanda: «Chi decide questi coordinatori?».RobertoFico, del meet up di Napoli, attacca: «Con che criterio organizzate gli incontri, potremmo saperlo?». DavideBono, consigliere piemontese, ieri in Val Susa ha ribadito ogni solidarietà con Grillo. Però è certo che i modi con cui è avvenuta la strutturazione del movimento non gli sono piaciuti, «altro che spontanee, queste sono candidature spintanee.Etredi loro hanno doppi incarichi». A fine meeting aveva raccontato: «Strappo ilmicrofono alle 14,30 e chiedo lumi, chi ha deciso chi, e se sono ruoli tecnici o politici? Mi si risponde che se qualcuno del territorio me lo chiede devo mandarlo aff…».

Siamo a questo:Grillo sfodera il vaffa contro i suoi stessi eletti.

Bertola nel frattempo si autosospende dal coordinamento piemontese, in polemica con Bono.Mauro Conte accusa, «vale il singolo cittadino o sono due tre persone senza nome e senza volto, che scavalcano tutto?Grillo mi manda aff…? Io mando aff… lui». La candidata romana Serenetta Monti dice che Beppe «prende ordini» da Gianroberto Casaleggio. Chi sia quest’uomo dai capelli Galbusera – che ieri se ne stava sereno nel bosco che possiede vicino a Ivrea, nelCanavese – è noto, ma varrà la pena ricordarlo. BeppeGrillo stesso, nella prefazione di «Web ergo sum», racconta: «Lo incontrai per la prima volta a Livorno, una sera di aprile del 2004. Venne in camerino e cominciò a parlarmi di rete. Di come potesse cambiare il mondo. Pensai che fosse un genio del male o una sorta diSan Francesco. Ebbi un attimo di esitazione. Casaleggio ne approfittò.Mi parlò allora di Calimero, il pulcino nero, Gurdjieff».

Infine, la deriva partitica:

E infatti Casaleggio un po’ ricorda ilmistico armeno, con le sue teorie su una rete impalpabile (Gaia) che arriverà a controllare la vita e la politica reale. Sarebbe discorso lungo, il fatto è che Grillo demanda a Casaleggio ormai tutto. E sul web fanno le pulci al network del guru, i suoi esordi nell’Olivetti diRobertoColaninno, il passaggio in Webegg, un’azienda allora controllata da Telecom (ai tempi Tronchetti Provera), la sua amicizia con un altro socio della Casaleggio, EnricoSassoon, poi dal 1998 ad d e l l ’ Ame r i c a n Chamber of Commerce in Italy, che raggruppa tra l’altro gruppi come quello dell’Aspen Institute. Nulla dimale, ovviamente; ma nulla che esalti la base. La mobilitazione, web o realenon fa distinzione, cresce, e non accetta più totem, specie dopo le vittorie elettorali. Grillo giura: «Mi chiamo fuori da questa deriva partitica piemontese». Ma il movimento cinque stelle sa di non essere il Pdl.

TAG: ,


37 Commenti

  1. Gay scrive:

    This site definitely has all the information and facts I wanted concerning this subject and didn’t know who to ask.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

mia martini

“Per sempre Mia” l’omaggio di Rai1 a Mia Martini

17:38 La trasmissione andrà in onda stasera alle 21.20. Tantissimi gli ospiti tra cui Loredana Bertè, Gigi D'Alessio, Anna Tatangelo, Mara Venier, Valeria Martini, Mietta, e ancora Piero Chiambretti, Aida Cooper, Enzo Gragnaniello e Marco Masini CONTINUA