|

La vera storia delle case di lusso ai Rom a Torino

VoxNews colpisce ancora, il noto sito razzista dedito alla calunnia sistematica d’immigrati e Rom, attraverso la creazione diffusione di falsi,oggi ha annunciato il trasferimento «dei Rom» in case popolari pagate dal comune di Torino.

IL GRANDE SGOMBERO – La questione riguarda lo sgombero del campo nomadi sulle rive dello Stura, che ospita 800 persone censite tra nomadi e variamente immigrati. L’operazione si svolgerà a scaglioni da qui alla fine dell’anno e ad essere trasferiti in alloggi temporanei, non case popolari, saranno i nuclei familiari con almeno una persona che lavora e che ne faranno richiesta. Si tratta di alloggi nei quali la permanenza può essere solo appunto temporanea e che ovviamente sono ammobiliati, circostanza che ha scatenato chissà perché le ire dei razzisti.

LEGGI ANCHE:- La bufala dei soldi per i malati dati al campo nomadi

I FONDI EUROPEI  – L’operazione è stata finanziata con 5 milioni di euro provenienti dai fondi europei  dedicati all’integrazione dei rom e quindi no si parla di risorse sottratte ad altri capitoli di bilancio o altro bisognosi. Ma la «notizia» così com’è stata data ha scatenato l’immediata ira dei razzisti che tra insulti è turpiloqui sulla pagina Facebook di VoxNews (il sito oggi non è raggiungibile) invitano a bruciare i Rom, che sarebbero favoriti al posto dei cittadini italiani.

ALTRO CHE CASE – Poco importa che non sia vero e che molti dei rom siano pure loro cittadini italiani e poco importa che le residenze temporanee ospiteranno solo una piccolissima parte degli sfollati dal campo, i quali invece sono attesi da altri campi, questa volta in regola e attrezzati o aree per il camping. Tutti coloro i quali non hanno diritto all’assistenza, saranno invece allontanati e basta.

 LEGGI ANCHE: