Tutti i segreti dell’Unione Sovietica

Le informazioni ancora non rivelate sull’ex URSS che si celano nelle profondità di documenti e dossier. L’Unione Sovietica è stata...

Le informazioni ancora non rivelate sull’ex URSS che si celano nelle profondità di documenti e dossier.

L’Unione Sovietica è stata per decenni una terra oscura, separata dal resto del mondo da un muro fatto non solo di mattoni, ma anche di segreti, politici, tecnologici, culturali. Un baratro economico e culturale che si è colmato, al contrario di quello reale per cui sono bastate mazze e picconi, solo a prezzo di grandi fatiche.

UNA MINIERA DI SEGRETI - Si potrebbero paragonare i 20 anni dal crollo dell’Unione Sovietica ad una miniera d’oro per gli storici: l’oro, a causa delle scoperte preziose negli archivi e memorie, e la profondità di una miniera a causa del lavoro frustrante che è spesso necessario per portarle alla luce. Abbiamo ancora solo scalfito la superficie della storia sovietica, quello che abbiamo trovato finora è stato un percorso avvincente ricavato da registrazioni e dalle testimonianze sugli eventi di un tempo segreto. Ma c’è così tanto che ancora non sappiamo.

LA GUERRA FREDDA – Si immagini un volume pesante e dal ruolo assolutamente innovativo, un capolavoro della storia: la fine pacifica della Guerra Fredda in Europa. Il libro è come un caveau segreto che espone le più affascinanti informazioni top-secret e i documenti sulle rivoluzioni del 1989. Vladislav Zubok, uno dei curatori del volume, ci ricorda che rispetto al lato visibile della Luna – c’è ancora un aldilà che non è stato visto. In questo spirito, ecco una lista dei 10 misteri sull’impero sovietico che ci aspettano dall’altra parte della luna.

UNO – Cosa è successo ai miliardi di dollari in oro e denaro contante presumibilmente conservati dal Partito comunista dopo il crollo sovietico? Alcuni rapporti della stampa estera al momento suggerirono che furono fatti sparire tramite conti bancari esteri, ma non c’è mai stata alcuna prova. Egor Gaidar, primo ministro di Boris Eltsin, assunse un detective privato dell’azienda internazionale Kroll Associates per trovarli, ma inutilmente. Quanto denaro fu coinvolto, e dove è andato a finire?

DUE - L’Unione Sovietica ha mai sviluppato un’arma nucleare da portare in “valigia”? Ci sono state un sacco di speculazioni selvagge, ma mai alcuna prova. Il generale russo Alexander Lebed nel 1997 disse che c’erano 100 valigie dell’era sovietica contenenti armi nucleari e che circa la metà erano mancanti. Ma il conto Lebed era vago e inconsistente, e altri negarono le sue affermazioni. Chi aveva ragione?

TRE - Nelle prime settimane dopo il disastro nucleare di Chernobyl a fine aprile 1986, il leader sovietico Mikhail Gorbaciov era stranamente silenzioso. Non ha parlato a questo proposito fino al 14 maggio, più di due settimane più tardi. Cosa è stato detto e fatto ai più alti livelli in quei primi giorni dell’emergenza? Perché quest’uomo d’azione sembrò così paralizzato?

QUATTRO - Dai primi anni 1970, i leader sovietici approvarono un programma segreto di armi biologiche. Conosciamo le linee generali della ricerca, ma non c’è quasi nulla sul lato militare. C’è stato un “concetto di uso”, o una dottrina militare, per la guerra batteriologica sul campo di battaglia? Le armi create erano per impieghi speciali? Cosa è successo a tutti dopo il crollo dell’Unione Sovietica?

CINQUE - Ancora mancano informazioni chiave sulla crisi dei missili a Cuba, proprio come è stato detto durante le visite in Unione Sovietica dai rivoluzionari cubani come Raúl Castro e Che Guevara prima della crisi del 1962, e Fidel Castro dopo. Sebbene i risultati degli incontri sono emerse Politburo e cavi durante la crisi, i loro colloqui con il leader sovietico Nikita Krusciov prima e dopo potrebbe gettare nuova luce sul perché schierato le armi nucleari e quali lezioni hanno tratto da esso.

SEI - Nel suo libro del 1999, Ken Alibek, un disertore che era vice direttore del programma sovietico guerra batteriologica, ha detto che “scopo principale” dell’operazione “Flauto” KGB era quello di “sviluppare agenti biologici psicotropi e neurotropici ad uso del KGB in speciali operazioni, tra cui il ‘lavoro bagnato’ di omicidi politici “. Qual è stata la portata e la disposizione finale del Flauto?

SETTE - A partire dal 1981, Mosca ha inviato istruzioni urgenti per il KGB e del GRU, l’intelligence militare sovietico, per raccogliere informazioni su un possibile attacco nucleare degli Stati Uniti. Le istruzioni divennero note come RYAN, per Raketno-Yadernoe Napadenie (“attacco missilistico nucleare”). Oleg Gordievsky, un agente del KGB addetto allo spionaggio per conto degli inglesi, ha fatto trapelare l’operazione RYAN in Occidente, e i dettagli di RYAN finalmente sono stati pubblicati da Gordievsky e Christopher Andrew nel lavoro del 1990: “il KGB: The Inside Story”. Ma noi ancora non sappiamo come i leader di Mosca, in particolare la spia capo Yuri Andropov, che divenne segretario generale nel 1982, reagì ai rapporti in arrivo.

OTTO – Nei primi anni 80, i sovietici costruirono un massiccio bunker sotterraneo nel Urali conosciuto come “Grot”, apparentemente come bunker antinucleare adibito a posto di comando per le forze strategiche Rocket. I servizi segreti americani raccolsero informazioni secondo cui il bunker era in costruzione, ma il dato è stato a lungo avvolto nel mistero. Qual era lo scopo originario di Grot?

NOVE – A volte un segreto può essere nascosto in un mucchio di dati. Gli Stati Uniti furono perplessi per anni circa il peso reale degli ambiti di difesa e sicurezza per l’economia sovietica. Con sistemi diversi, valute, metodi e materiali, il costo di un serbatoio per lo Stato sovietico non era quasi certamente lo stesso negli Stati Uniti. Katayev stima che circa il 20 per cento dell’economia sovietica fu dedicata alla difesa (la CIA aveva stimato 15-17 per cento), ma ci sono molti aspetti imponderabili, da come calcolare il reale costo della manodopera e dei materiali in un’economia pianificata al fatto che le fabbriche di difesa sovietiche producevano anche cose come televisori e macchine da cucire. Quanto ha pesato la corsa agli armamenti per l’Unione Sovietica?

DIECI – Come è stata servita la dirigenza sovietica dai servizi segreti del KGB stranieri? Quando si trattava di capire l’Iniziativa di Difesa Strategica di Ronald Reagan, Katayev disse che il KGB aveva sempre sovrastimato la minaccia, perché l’agenzia aveva paura di sottovalutarla. Gordievsky ha dichiarato che i rapporti del KGB erano spesso riciclati da ritagli di giornale, perché non avevano più fonti. Quanto fu buona l’intelligenza del KGB?