“Non mi sposi? Ti verso l’acido e la benzina e poi do fuoco”

09/06/2011 - di

Folle gesto di gelosia e rancore per una proposta di matrimonio respinta Non accettava l’idea di essere stato respinto. Ecco perché un vietnamita di mezza età, residente nella provincia di Dong Nai, ha gettato benzina e acido sulla donna che

Folle gesto di gelosia e rancore per una proposta di matrimonio respinta

Non accettava l’idea di essere stato respinto. Ecco perché un vietnamita di mezza età, residente nella provincia di Dong Nai, ha gettato benzina e acido sulla donna che non ha accettato la sua proposta di matrimonio, provocando gravissime bruciature a lei e ai suoi familiari.

ATTACCO ALL’ACIDO – La polizia del Dong Nai ha arrestato un uomo di 54 anni che domenica scorsa ha provato ad incendiare un’intera famiglia vietnamita. Durante la festa di compleanno di un bambino di un solo anno l’uomo si è presentato con alcune bottigliette di acido e di benzina, che ha versato su otto dei presenti. La mistura letale è stata poi accesa per provare a incendiare le persone attaccate, tra le quali c’era la donna che aveva respinto la proposta di matrimonio dell’uomo. Le persone che non sono state colpite dall’uomo hanno fermato subito l’attacco, anche se con difficoltà a causa del fuoco che stava bruciando i corpi di alcuni dei loro parenti.

GELOSIA QUASI ASSASSINA – Il vietnamita di cinquantaquattro anni è stato messo in custodia all’ospedale, dove è stato ricoverato per alcune lievi ferite che si è procurato durante il suo folle gesto di gelosia. La causa del suo attacco, secondo il responsabile della polizia del Dong Nai Huay Thang, è il dolore e la rabbia provati per essere stato respinto dalla donna, che al momento si trova anch’ella in ospedale insieme a tre dei suoi parenti. La mistura di acido e benzina ha provocato estese bruciature sui loro corpi.

4 Commenti

  1. Sergio scrive:

    Rabbia e dolore?? Gelosia “quasi” assassina?…Ma chi è che scrive questi articoli? Basta giustificare gesti abberranti con simili “scuse”!!! Non ci sono attenuanti a gesti del genere! Quell’uomo é un delinquente che non ha ucciso solo perché non c’é riuscito!

  2. MORANDO SERGIO Crocefieschi Genova malpotremo Lesegno Italia Argentina scrive:

    Certi uomini non dovrebbero semplicemente esistere!

  3. Vale scrive:

    è veramente assurdo come ci siano al mondo certi uomini (e certe donne)che non accettano un no come risposta e cercano in tutti i modi di annullare, uccidere o rovinare che li ha rifiutati….è ora di finirla, nessuno è di proprietà di nessuno, no vuol dire no, non ti amo, vuol dire non ti amo, non ti voglio vuol dire non ti voglio….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

467920830

BULGARIA-ITALIA 2-2: pareggio in rimonta, Eder salva Conte

20:04 Qualficazioni Euro 2016, azzurri irriconoscibili per larghi tratti del match: in vantaggio con un autorete di Minev, si fanno riprendere e superare dai padroni di casa a segno con Popov e Micanski. Il pareggio arriva solo a 6 minuti dalla fine con un gran gol dell'oriundo della Sampdoria CONTINUA

Mercato Luce e Gas, tutto quello che devi sapere

Mercato luce e gas, tutto quello che devi sapere

16:55 Differenza tra distributori e venditori, pregi e difetti del mercato libero e del servizio a maggior tutela, condizioni per il cambio di un operatore, qualità del servizio ed indennizzi relativi. Alla scoperta del mercato luce e gas CONTINUA

Sergio Chiamparino, candidato governatore della Regione Piemonte per il Partito Democratico (Lapresse)

Firme false, il caso Piemonte: Chiamparino e quella legislatura a rischio

15:12 Dopo il precedente Cota, anche il governatore dem costretto a fare i conti con il ricorso al Tar, presentato dalla Lega e accolto dai giudici, per le presunte irregolarità sulle liste. Ma l'ex sindaco non intende lasciarsi logorare, pronto alle dimissioni se emergessero responsabilità. Tutto dipenderà dal verdetto del Tribunale amministrativo: il 9 luglio o qualche mese dopo. Sullo sfondo, la faida interna tra le anime del renzismo piemontese, fassiniani e cattodem CONTINUA