I manifesti contro i ricercatori a Milano

Alberto Corsini minacce sperimentazione animale animalisti 2

I docenti dell'Università lombarda Alberto Corsini ed Edgardo D'Angelo vittime di inquietanti manifesti. Liste di proscrizione, comparse per la città, nelle quali sono bollati come «assassini e vivisettori»

Non bastavano le intimidazioni e gli auguri macabri rivolti a Caterina Simonsen, la 25enne padovana, studentessa di Veterinaria, offesa per aver difeso le ragioni della sperimentazione animale. O le minacce di morte denunciate nelle settimane scorse dal direttore dell’Istituto Mario Negri di Milano, Silvio Garattini. Per le vie di Milano sono adesso spuntati anche deliranti manifesti contro alcuni ricercatori universitari e scienziati: incitazioni alla violenza, “liste di proscrizione” con tanto di nome, cognome, indirizzo e numero di telefono, che richiamano alla memoria passati inquietanti. Questa volta a finire vittima del fanatismo è stato Alberto Corsini, docente di Farmacologia all’Università degli Studi di Milano e bollato come «vivisettore assassino di animali».

Alberto Corsini minacce sperimentazione animale animalisti

ALBERTO CORSINI E I MANIFESTI DEGLI ESTREMISTI ANIMALISTI CONTRO IL RICERCATORE – Nei manifesti comparsi in alcune zone del capoluogo lombardo contro Alberto Corsini, si legge: «In uno degli ultimi esperimenti condotti ha intossicato con farmaci e vivisezionato 63 conigli». Ma non solo: «È un tuo vicino. Abita in… ». Con tanto di indirizzo, in piena violazione della normativa sulla privacy. Senza dimenticare come i manifesti possano essere passibili di denuncia per diffamazione e per incitazione alla violenza: «Chiama il boia e digli quello che pensi di lui», si legge nel manifesto, dove compare il numero di telefono del ricercatore. A segnalare l’episodio è stato il gruppo “A favore della sperimentazione animale”, sulla propria pagina su Facebook. Un nuovo episodio di intimidazione subito da chi cerca di difendere le ragioni della ricerca, sottolineando le differenze tra vivisezione (illegale in Italia dal 1986) e la sperimentazione animale.  Tra i commenti al post, non mancano le reazioni indignate da parte degli utenti, che denunciano minacce di stampo “nazista” o mafioso e definiscono come “pericolosi” gli estremisti animalisti. Non senza ricordare come i manifesti non siano firmati.

Alberto Corsini minacce sperimentazione animale animalisti 2
Photocredit: Facebook/A Favore della Sperimentazione Animale

Alberto Corsini non è stato l’unico docente universitario vittima delle liste di proscrizione dei fanatici animalisti. Come ha riportato Tempi, anche Edgardo D’Angelo, professore e ricercatore nel campo della fisiopatologia all’Università Statale milanese, è finito nei manifesti inquietanti attaccati sui muri. Non lontano dalle aule studio dell’Ateneo, anche D’Angelo è stato etichettato come «vivisettore», soltanto per la sua attività in laboratorio. Prima sono stati appesi alcuni volantini che riportavano l’indirizzo di casa e il numero di telefono del docente. Poi sono comparse scritte infamanti nei muri contro il professore, bollato, come al solito, alla stregua di un «assassino di animali». Nel manifesto si legge: «Da più di 50 anni uccide e tortura conigli, cani e altri animali per esperimenti sulla fisiopatologia respiratoria. Vergogna assassino! Chiama il boia e digli quello che pensi di lui».

Alberto Corsini Edgardo D'Angelo minacce sperimentazione animale animalisti 2
Photocredit: Tempi.it

Insulti e intimidazioni, ai danni del mondo della scienza, che stanno diventando quasi un’abitudine, di fronte a (presunti) animalisti incapaci di distinguere la vivisezione dalla sperimentazione. E che, considerati i diversi episodi denunciati, non sembrano farsi scrupoli nell’utilizzare liste di proscrizione e “dossieraggi” contro chi tenta soltanto di offrire il proprio contributo per il progresso della ricerca e della medicina.