Zingaropoli? Ecco chi attacca i manifesti per la Moratti

26/05/2011 - di

Da questa mattina con una certa insistenza girano sui blog – ad esempio quello di Luca de Biase – ma anche su siti di informazione immagini della campagna elettorale milanese. Quella, come si sa, in cui il centrodestra ha iniziato a raccontare al popolo che Giuliano Pisapia avrebbe trasformato la città in una Zingaropoli e in una città straniera e islamica. Intanto, sulle strade, extracomunitari e stranieri con secchi e scope attaccano sui muri i manifesti della Lega a sostegno di Letizia Moratti. Il che fa riflettere. “Gli attacchini della Moratti non sono propriamente padani” dice Frontiere news.

13 Commenti

  1. tiziana scrive:

    Ovviamente chi ha denaro ne dispone come meglio crede. Questi soggetti hanno talmente tanto denaro da ingaggiare comparse!!! Immagino cosa faranno di buono con i soldi dei contribuenti, una volta eletti in giunta!…le soap-opera!

  2. andrea scrive:

    vabbe’ questa e’ una non notizia un po’ superficiale: le affissioni elettorali sono affidate ad agenzie pubblicitarie che spesso prendono contemporaneamente commesse da tanti partiti o coalizioni anche politicamente opposte. gli attacchini non sono sostenitori o militanti, e’ solo gente che ha bisogno di arrotondare facendo un lavoro extra

    • Nicola Puddu scrive:

      Guai Andrea!!! Non esprimere pareri obiettivi e intellettualmente onesti o potresti essere messo al rogo!!! La massa oramai è impazzita in un delirio di basse accuse e diffamazioni gratuite, sia da una parte che dall’altra. Per carità…
      Credo che il popolo italiano sia in larga parte causa dei propri mali

    • Nicola Puddu scrive:

      Guai @Andrea!!! Non esprimere pareri obiettivi e intellettualmente onesti o potresti essere messo al rogo!!! La massa oramai è impazzita in un delirio di basse accuse e diffamazioni gratuite, sia da una parte che dall’altra. Per carità…
      Credo che il popolo italiano sia in larga parte causa dei propri mali

    • Francesco scrive:

      certo, ma se un partito con forti accenti autarchici commissiona ad un’agenzia pubblicitaria che ingaggia immigrati ammetterai che la figura ne è lesa. come quando quasi dieci anni fa le magliette della lega nord di venezia erano made in china…

  3. Tetsuo scrive:

    Be non ci vedo nulla di strano, questa è la coerenza della Lega e del PDL… agitano la paura dell’extracomunitario e poi il nord campa sugli extracomunitari…

  4. paola scrive:

    la moratti ha messo i manifesti in centro o in periferia???

  5. andrea scrive:

    non sono solo extracomunitari che lo fanno. io stesso ho preso contatti con un’agenzia, tramite amici (italiani) che gia’ lo fanno da anni ma, per diverse ragioni, non sono riuscito ad avere una zona. il lavoro e’ regolare, con contratto temporaneo e MOLTO ben retribuito. cerchiamo di informarci di piu’ prima di emettere sentenze

  6. Patagarrakkiu scrive:

    Sono solo dei giovani belli e abbronzati :D

  7. rokko scrive:

    Molto ben retribuito?! Ma che cazzo dici, io l’ho fatto per un paio di anni, ti assicuro che ti danno una miseria. Anzi, direi che il motivo per cui lo fanno gli extracomunitari è proprio quello.
    Senza contare che molti partiti non si rivolgono nemmeno alle agenzie perché altrimenti dovrebbero stare a determinate regole, fanno fare tutto abusivamente.

  8. warc8 scrive:

    Com’era bello, a Roma ar’ tempo de’mi nonno, quando i ragazzini andavano scarzi pe’strada e noi attacchini, de’ sinistra e destra, attavamo li manifesti ar muro a gratis e, fra un manifesto e l’atro, se scambiavamo quarche bastonata……..noi se pensamo che fare l’attacchino per il partito fosse cosa nobbile e giusta……mo’lo fanno per sordi…..mortacciloro!!!!

    • Francesco scrive:

      Parole sante, ma non è al tempo di tuo nonno, è ora: noi, gli arancioni di De Magistris, facciamo campagna da due mesi gratis e fierissimi che sia così.

  9. Luca scrive:

    Credo che soltanto degli idioti potrebbero non rendersi conto che queste immagini sono false e costruite ad arte per gettare fango sul centro-destra. Operazione cara alla sinistra italiana dal 1946. Ma che dico, anche prima, dal 24.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

Jean-Claude Juncker , EMMANUEL DUNAND/AFP/Getty Images

L’UE e il piano da 300 miliardi di Juncker

19:42 Il presidente della Commissione ha promesso un'importante mole di nuovi investimenti per stimolare la crescita. I vincoli del bilancio comunitario, le regole di contenimento del debito e il credito a tripla A concesso dalla Banca europea degli investimenti rendono però quantomeno dubbia l'efficacia delle idee finora illustrate dall'esecutivo comunitario. CONTINUA

Germania under attack

Germania under attack

19:26 La scelta di Parigi di portare il deficit al 4,4 per cento nel 2014 e quella di Roma di spostare il pareggio di bilancio al 2017 hanno messo in allarme Angela Merkel. Che però ha qualche problema anche lei CONTINUA