Tra festini gay e violenze alle suore, il sesso in Vaticano è di casa

16/04/2011 - di

Su Libero il nuovo libro dal giornalista di Panorama che rivela altarini mai abbastanza segreti. Chi si stupisce alzi la mano. Nessuno? Strano – anzi no. Il sesso è di casa in Vaticano: magari prima o poi la Chiesa se

Su Libero il nuovo libro dal giornalista di Panorama che rivela altarini mai abbastanza segreti.

Chi si stupisce alzi la mano. Nessuno? Strano – anzi no. Il sesso è di casa in Vaticano: magari prima o poi la Chiesa se ne accorgerà e modificherà le sue politiche restrittive in materia: anche perchè parliamo di sesso fra sacerdoti, omosessuale o eterosessuale che sia. Storie da parrocchia, segreti di Pulcinella che nessuno racconta e che un giornalista di Panorama ha iniziato a seguire in maniera continuativa per capire qualcosa in più su quegli strani movimenti in sacrestia.

SESSO IN SACRESTIA – Ciò che si trova, nella sola Roma, basta a scrivere un libro: e le storie, viste alla luce dell’attuale morale cattolica sul sesso, sono niente più che peccaminose. Fuori da quella luce di analisi, che propone la vita come progetto e l’amore come vocazione, sono semplicemente storie ordinarie con nulla di particolarmente strano, se non la particolarità dell’evento in sé. Ad esempio, magari qualcuno potrà non condividere, ma non risulta che siano proibiti i festini gay: il fatto che partecipino praticamente solo sacerdoti, è qualcosa che la Chiesa dovrebbe prima o poi affrontare.

In un locale del Testaccio c’è un party privato interamente maschile. Sul palco, due cubisti. In jeans tagliati cortissimi, formato perizoma, con le cerniere aperte. Ballano. Poi trascinano sotto i riflettori uno del pubblico. Dirty dancing a tre in variante omo, con lui che fa la parte dell’hot dog. Tutto normale? appena celebrato la messa del mattino presto nella basilica di San Pietro e per un anno ha cantato per Benedetto XVI. Ed è lì con vari colleghi, nascosti negli angoli bui a darsi da fare, un italiano, un tedesco, un brasiliano… Sembra una barzelletta sconcia. Invece è routine. Come scopre presto, infiltrandosi nel mondo delle chat per omosessuali, delle saune piene di dark room, del Gay Village e delle basiliche dove ogni tanto i marchettari «passano a fare il bancomat», il giornalista di Panorama Carmelo Abbate.

Insomma, i preti se la divertono, alla faccia del Papa, verrebbe da dire, e della sua morale restrittiva.

AMPIA CASISTICA – Il problema è che da parte della gerarchia tale morale sessuale viene proposta – se non imposta al mondo – mentre i rappresentanti di Cristo in terra sono i primi ad infrangerla. Anche con atti blasfemi per la stessa liturgia cattolica.

Incontri sadomaso, blasfeme messe con tanto di comunione post coitum, fellationes in sacrestia e usi impropri del calice, che fa il giro dei media di tutto il pianeta, costringendo il vicario del papa a diffondere una nota ufficiale in cui si ammette l’esistenza di comportamenti indegni. E che adesso la amplia ad altre città italiane e ad altri Paesi, alle suore lesbiche e alle doppie vite a sfondo eterosessuale, ma non ai casi di pedofilia su cui ormai la bibliografia è in drammatica crescita, nel libro Sex and the Vatican

La casistica è ampia, le percentuali impressionano: secondo uno studioso, se si andasse bene a contare le teste, si capirebbe che praticamente il 50% dei preti americani è gay, e oltre il 20% di quelli austriaci, per fare l’esempio di un paese europeo, ha una relazione con una donna, la stessa percentuale in Spagna rappresenta i sacerdoti regolarmente sposati.

UNA POLITICA RESTRITTIVA – Storie di vita quotidiana, insomma, ma clandestina. E proprio questa morbosa clandestinità, forse, spinge gli uomini di Chiesa a comportamenti appunto morbosi e problematici che sfociano nella violenza sessuale a danno, talvolta, anche di donne di Chiesa.

Tra parroci con una passione per gli extracomunitari, risse per i favori di una neovedova, molestie telefoniche a bambine e squallidi ricatti, missionari in Africa che abusano delle suore e poi le fanno abortire, fa quasi tenerezza don Contraddizione (così, dato il contesto ingenerosamente, lo chiama Abbate), che, all’in – segna del si non caste, tamen caute, rimorchia in discoteca e ha una decina di rapporti occasionali all’anno, talvolta con prostitute. Non mancano poi scene boccaccesche. Basti citare i poliziotti che scoprono in un’auto ferma sull’auto – strada Napoli-Caserta una coppia che fa sesso anale. Solo che lui è un sacerdote, lei una parrocchiana che deve sposarsi dopo pochi giorni e arrivare vergine al matrimonio e l’auto è intestata al futuro marito… O quella che vede scoperti nel 2003, a causa di una rapina subita, padre Dominique Wamugunda e Martha Karua, ex ministro della Giustizia del Kenya e candidata alle presidenziali…

Probabilmente sarebbe più semplice per tutti rivedere in maniera radicale l’approccio della Chiesa alla sessualità. Il Vaticano non sembra interessato, ma la situazione rimane questa: per quanto tempo ancora?

42 Commenti

  1. Aser scrive:

    Ma io ti ho chiesto: quale Signore?
    Hai risposto con una levata di scudi, cercando giustificazioni tue nelle azioni altrui.
    Comunque il MessYah ha detto in (Giovanni 17:12) : ” Io li ho protetti, e nessuno di loro ( i discepoli) si è perduto, tranne quello che doveva perdersi ( Giuda ) realizzando ciò che la Bibbia aveva predetto”.
    Cefa è nato, vissuto e morto in Palestina, e non in una prigione romana.
    Cefa Non è morto appeso ad un palo con la testa all’ingiù, come vogliono far credere. E’ funzionale per l’immaginario colletivo. E’ una menzogna che utilizzano gli esoteristi. Se non mi credi basta che tu vada a farti un tour delle chiese..pardon, dei templi cattolici
    ( Roma ne è piena ) e potrai notare quanti e quali simbolismi pagano-esoterici vi sono all’interno e perdipìù accostati alle cosidette immagini sacre. In realtà quei pupazzi che trovi all’interno sono di origine babilonese; hanno cambiato loro soltanto il nome e il look per riproporli agli uomini moderni.
    Chi seguiva il MessYah solo per i miracoli? Quelli che avevano lo stomaco vuoto? Gli opportunisti? Perchè non parli anche di quegli uomini e donne che lo seguivano incondizionatamente? Non volevano una poltrona nel caso si facesse la rivoluzione.
    1° Perchè la rivoluzione l’ha gia fatta il MessYah, e nion c’è bisogno di farne delle altre.
    2° Vedi Matteo: 18,1-5 oppure Marco: 9,33-37. Anche i discepoli nei primi tempi vedevano e ragionavano esattamente come noi oggigiorno: in modo materialistico e meccanicistico. Se scegliamo di vedere solo e soltanto il lato materiale delle azioni, vedremo e capiremo solo metà dei fatti, cadendo così nell’errore di produrre giudizi sommari, anzi processi alle intenzioni. Ma se invece davvero sradichiamo l’egoismo personale, se davvero riconosciamo quato siamo piccoli di fronte al Creatore, allora sì che cominceremo a fare delle scelte altruistiche; migliori. E’ necessario capire e vedere il lato spirituale degli accadimenti e delle azioni altrui. I pregiudizi lasciamoli ai presuntuosi, a coloro che non vogliono capire, apprendere cioè agli ignoranti. Ma poi, è davvero così difficile fare del vero bene? E’ così difficile compiere agape invece di continuare con il dare e l’avere? Basta dare 20 cent. al lavavetri per sentirsi apposto con la coscenza?

    • maxcagni1 scrive:

      Sì però non si può mica andare avanti con questa esposizione e messa in scena di una cultura tout-court. Lasciamo stare le citazioni (mettete solo un eventuale rimando) altrimenti sembra proprio che vogliate fare l’analisi logica di quei passi che già è stata analizzata da persone magari più “su” di noi. Non scomodiamo Dio per queste futilità. Si sta parlando di altro. Credete che quei misogini non lo sappiano? O pensate che davvero loro ci credono a quello che pontificano dai loro scranni? O peggio ancora di inchiodarli alle loro responsabilità con queste dotte citazioni? Facciamo i nostri ragionamenti ed esprimiamo pensieri secondo la nostra cultura ed il nostro raziocinio. Tutto il resto è forfora!

  2. JENA scrive:

    Magari qualcuno di loro ha anche partecipato al Bunga – Bunga a Villa San Martino ! Peccato ! Non lo sapremo mai anche se esistessero intercettazioni o filmati !

    • maxcagni1 scrive:

      Certo che ci avranno partecipato. Ho sentito dire che Berlusconi era un uomo di fede ma un altro gli ha risposto che… Fede era un uomo di Berlusconi!

  3. Aser scrive:

    DEVO DIRE CHE IL LIVELLO INTELLETTUALE DEL PENSIERO COMUNE E’ ORMAI STATO DEPAUPERATO DAL SISTEMA HAARP MA NON CREDEVO CHE IN SOLI 3 ANNI POTESSE FARE QUESTI EVIDENTI DANNI ALLA RAZZA UMANA.

  4. papi scrive:

    AI MIEI TEMPI :QUANDO SE NON ERI STATO A MESSA NON POTEVI GIOCARE A CALCETTO SI USAVA DIRE : PARROCCHIETTA SEMINAGUAI SALVI L’ANIMA MA IL CULETTO MAI ……………………………………. LORO RISPONDO SEMPRE ALLO STESSO MODO : CHI E’ SENZA PECCATO SCAGLI LA PRIMA PIETRA ……………………… BISOGNEREBBE APRIRE LA MANICHETTA CHE SPARA MERDA A PRESSIONE ALTRO CHE SCAGLIARE PIETRE ………………….PS . QUEL BACIAPILE DI FORMIGONI DICE COSI’ DA QUANDO HA SAPUTO CHE CHI CI GOVERNA E’ UN BAVOSO PUTTANIERE ……HAHAHAHAHAHA

  5. Giusi Calandretti scrive:

    A parte la parabola della pagliuzza in un occhio, io ricorderei queste parole pronunziate da Gesù Cristo e tratte dal Vangelo di Matteo cap. 23:”Guai a voi, scribi e farisei ipocriti,
    perchè viaggiate per mare e per terra
    per fare un proselito; e quando lo
    avete fatto, lo rendete figlio della
    geenna* il doppio di voi. …………
    …………………… guide cieche, che
    filtrate il moscerino e inghiottite il cammello.
    Guai a voi, scribi e farisei ipocriti,
    perchè pulite l’esterno del bicchiere e
    del piatto, mentre dentro sono pieni di
    rapina e intemperanza. Fariseo cieco,
    pulisci prima l’interno del bicchiere e del piatto,
    affinchè anche l’esterno diventi pulito.
    Guai a voi, scribi e farisei ipocriti,
    perchè siete simili a sepolcri imbiancati,
    che appaiono belli di fuori, ma
    dentro sono pieni d’ossa di morti e
    d’ogni immondizia. Così anche voi, di fuori
    sembrate giusti alla gente; ma
    dentro siete pieni d’ipocrisia e d’iniquità!”
    Mi sembra che da “guide” simili di vista ne resta ben poca e, quei pochi non dovrebbero che seguire l’invito del Maestro e denunciare apertamente, non tacere come codardi!

    • Aser scrive:

      @ Giusi:
      Il MessYah ha pure detto loro: ” ..” Voi chiudete agli uomini la porta del Regno di
      Dio: non entrate voi e non lasciate entrare quelli che vorrebbero entrare.”

      -Costoro prelevano l’oro dalla loro borsa, pesano l’argento nella bilancia, pagano l’orefice perchè ne faccia un dio per prostarglisi davanti, per adorarlo.
      se lo caricano sulle spalle, lo trasportano sul suo piedistallo; esso sta in piedi e non si muove dal suo posto; benchè uno gridi a lui, esso non risponde nè lo salva dalla sua afflizione.- (Isaia 46,6-7)
      Periodo storico che va dal 740 al 700 aC. Molto prima dell’avvento del MessYah.
      Che cos’è cambiato d’allora?
      -I figli raccolgono la legna, i padri accendono il fuoco e le donne impastano la farina per preparare focacce alla regina del cielo; poi si compiono libazioni ad altri dèi per offendermi. -(Geremia 7,18)
      Periodo storico che va dal 609 al 587 aC.
      Ricorda qualcosa la regina del cielo? All’epoca gli Ebrei pregavano per la dea Ishtar e il profeta li metteva in guardia dal compiere idolatria. Oggigiorno invece?
      B16, il falso profeta, e tutti i suoi predecessori che hanno fatto? Semplicemente hanno cambiato il nome alla divinità babilonese riproponendola sotto una nuova luce. Però è una luce che acceca!
      Oggi, sono i cattolici invece a trovarsi nell’identica situazione, esattamente come ai tempi di Geremia. E’ vero, c’è chi tace per codardia, e poi ci sono sacerdoti che tacciono per mancata conoscenza delle Scritture, ma ce ne sono mooolti che rimangono silenti con cognizione di causa!

    • Aser scrive:

      @ Giusi:
      Il MessYah ha pure detto loro: ” ..” Voi chiudete agli uomini la porta del Regno di
      Dio: non entrate voi e non lasciate entrare quelli che vorrebbero entrare.”

      -Costoro prelevano l’oro dalla loro borsa, pesano l’argento nella bilancia, pagano l’orefice perchè ne faccia un dio per prostarglisi davanti, per adorarlo.
      se lo caricano sulle spalle, lo trasportano sul suo piedistallo; esso sta in piedi e non si muove dal suo posto; benchè uno gridi a lui, esso non risponde nè lo salva dalla sua afflizione.- (Isaia 46,6-7) Molto prima dell’avvento del MessYah.
      Che cos’è cambiato d’allora?
      -I figli raccolgono la legna, i padri accendono il fuoco e le donne impastano la farina per preparare focacce alla regina del cielo; poi si compiono libazioni ad altri dèi per offendermi. -(Geremia 7,18) Ricorda qualcosa la regina del cielo? All’epoca gli Ebrei pregavano per la dea Ishtar e il profeta li metteva in guardia dal compiere idolatria. Oggigiorno invece? B16, il falso profeta, e tutti i suoi predecessori che hanno fatto? Semplicemente hanno cambiato il nome alla divinità babilonese riproponendola sotto una nuova luce. Però è una luce che acceca! Oggi, sono i cattolici invece a trovarsi nell’identica situazione, esattamente come ai tempi di Geremia. E’ vero, c’è chi tace per codardia, e poi ci sono sacerdoti che tacciono per mancata conoscenza delle Scritture, ma ce ne sono mooolti che rimangono silenti con cognizione di causa!

  6. Aser scrive:

    @ Giusi:
    Il MessYah ha pure detto loro: ” ..” Voi chiudete agli uomini la porta del Regno di
    Dio: non entrate voi e non lasciate entrare quelli che vorrebbero entrare.”

    -Costoro prelevano l’oro dalla loro borsa, pesano l’argento nella bilancia, pagano l’orefice perchè ne faccia un dio per prostarglisi davanti, per adorarlo.
    se lo caricano sulle spalle, lo trasportano sul suo piedistallo; esso sta in piedi e non si muove dal suo posto; benchè uno gridi a lui, esso non risponde nè lo salva dalla sua afflizione.- (Isaia 46,6-7) Molto prima dell’avvento del MessYah.
    Che cos’è cambiato d’allora?
    -I figli raccolgono la legna, i padri accendono il fuoco e le donne impastano la farina per preparare focacce alla regina del cielo; poi si compiono libazioni ad altri dèi per offendermi. -(Geremia 7,18) Ricorda qualcosa la regina del cielo? All’epoca gli Ebrei pregavano per la dea Ishtar e il profeta li metteva in guardia dal compiere idolatria. Oggigiorno invece? B16, il falso profeta, e tutti i suoi predecessori che hanno fatto? Semplicemente hanno cambiato il nome alla divinità babilonese riproponendola sotto una nuova luce. Però è una luce che acceca! Oggi, sono i cattolici invece a trovarsi nell’identica situazione, esattamente come ai tempi di Geremia. E’ vero, c’è chi tace per codardia, e poi ci sono sacerdoti che tacciono per mancata conoscenza delle Scritture, ma ce ne sono mooolti che rimangono silenti con cognizione di causa

  7. Aser scrive:

    chiedo scusa se il commento s’è ripetuto !!

  8. flaccido scrive:

    stavo leggendo e me la stavo ridendo, quando ad un certo punto mi sono chiesto “ma dove li trovano i soldi per organizzare festini settimanalli e frequentare prostitute a gogo?”… e li mi sono incaxxato perchè questi campano con i soldi pubblici! e non fanno niente dalla mattina alla sera! sono dei PARASSITI!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

Genoa-Palermo

Genoa-Palermo, Serie A, come seguirla in streaming

19:45 Genoa-Palermo, ecco lo streaming del posticipo della dodicesima giornata di Serie A. Allo stadio Marassi di Genova si affrontano i rossoblu, desiderosi di raggiungere il terzo posto in classifica, ed i rosanero che con un successo si avvicinerebbero CONTINUA