|

I 13 film horror ispirati dalla vita reale

L’Huffington Post ci presenta quelli che sono i tredici film horror ispirati a fatti realmente accaduti. Parliamo di pellicole entrate nella storia che hanno mitizzato quelli che erano conosciuti come spaventosi fatti di cronaca locale e che hanno cristallizzato la violenza subita dalle vittime consegnandole al mito.

6) L'Esorcista, film del 1973 girato da William Friedkin, che ruota intorno alla figura di Regan, posseduta dal demonio
6) L’Esorcista, film del 1973 girato da William Friedkin, che ruota intorno alla figura di Regan, posseduta dal demonio

1) L’EVOCAZIONE – Il film, uscito nel 2013, con Patrick Wilson e Vera Farmiga, parla di due investigatori paranormali, Ed Warren e sua moglie Lorraine, negli Stati Uniti degli anni ’70. Il film venne descritto come una storia vera ma gli spettatori misero in dubbio alcune delle affermazioni fatte nella pellicola. Eppure, secondo Tony Spera, direttore della New England Society for Psychic Research, organizzazione fondata dai Warren nel 1952, il film è verosimile.

2) THE EXORCISM OF EMILY ROSE – Il critico cinematografico Roger Ebert ha definito il film intrigante. La pellicola, uscita nel 2005, parla dell’esperienza di Padre Richard Moore, accusato dell’omicidio di Emily Rose, morta al termine di un esorcismo. Ed anche questa storia è basata su un accadimento avvenuto nel 1976, con la tedesca Anneliese Michel morta di disidratazione e dopo mesi di esorcismi praticati da due preti cattolici che pensavano che la schizofrenia ed il disturbo della personalità di cui soffriva fossero solo emanazione del demonio.

3) QUEL MOTEL VICINO ALLA PALUDE – Il film uscito nel 1977 ed originariamente intitolato «Eaten Alive», racconta la storia di un uomo che dava da mangiare le sue vittime ad un coccodrillo. La storia è ispirata alla vicenda di Joe Ball, serial killer texano che nel 1938 si suicidò dopo che i poliziotti iniziarono a fare domande sulla scomparsa della moglie e della sua ex fidanzata.

4) VOCI DALL’OMBRA – Il film, uscito nel 2002, parla della storia di John Klein, impersonato da Richard Gere, che lascia il suo lavoro in un giornale di Washington per investigare su creature oscure conosciute con la parole «Mothmen» in un piccolo paese della Virginia. Il film racconta la storia di quanto accaduto nell’area tra il novembre 1966 ed il dicembre 1967 e raccontato in un libro del 1975 scritto dallo psicologo John Keel intitolato come la versione originaria del film,  «The Mothman Prophecies».

5) LO SQUALO – Il film del 1975 è basato sulla storia scritta da Peter Benchley con lo stesso nome. Brody, capo della polizia della piccola isola di Amity che va alla caccia di un grande squalo bianco killer. E da più fonti si dimostra come il film ed il racconto si basassero su una storia vera avvenuta nel New Jersey nel 1916.

6) AMITYVILLE HORROR – Il film, uscito nel 1979, racconta della storia della famiglia Lutz e delle strane manifestazioni apparse al momento del loro arrivo a New York nella casa in cui venne sterminata brutalmente una famiglia. Il film è basato su una storia vera avvenuta nel 1977, raccontata in un libro da Jay Anson e contiene citazioni di altri film horror storici.

7) LA RAGAZZA DELLA PORTA ACCANTO – Il film, basato sull’omonimo racconto di Jack Ketchum, racconta la storia relativa alla tortura ed all’abuso di una teenager assistita dalla sua zia. Ed il film riprende anche una storia del 2007 raccontata dallo scrittore Nick Pinkerton che ha descritto la morte di una giovane 14enne vittima di ogni abuso immaginabile, mentre il film è ispirato dalla storia di una ragazza di 16 anni, Sylvia Marie Likens, uccisa nel 1965 dal branco, la cui morte è stata descritta come la più feroce mai commessa nello Stato dell’Indiana.

 

LEGGI ANCHE: I dieci film horror più belli della storia del cinema

 

8) THE BLOB – La pellicola del 1959 si occupa della storia di un’ameba che arriva sulla Terra sconvolgendo la vita della comunità di Downingtown. Il film è basato sulla storia di una strana gelatina viola comparsa in una fattoria di Philadelphia nel 1950 e che venne scoperta a New York lo stesso anno. E secondo le cronache dell’epoca anche lei scese dal cielo salvo svanire nel nulla.

9) NIGHTMARE – Il film di Wes Craven è uno degli horror più famosi mai prodotti. Freddy Krueger, il protagonista, è un serial killer che perseguita le sue vittime nei sogni ed usa guanti con rasoi per uccidere le persone. La storia di questo film è ispirata alla morte di due uomini del sudest asiatico uccisi nel mezzo dei loro incubi.

10) NON APRITE QUELLA PORTA – La storia di un gruppi di amici in visita in una casa in cui uno di loro ha vissuto per poi essere catturato da un uomo che ha aggredito la vittima con una motosega indossando una maschera di pelle. Anche questa è una storia vera avvenuta nel 1950 con l’omicida che stacca lo scalpo delle vittime.

11) PRIMEVAL – Il film del 2007 è basato sulla storia di un coccodrillo gigante. Un coccodrillo molto simile, chiamato Gustave, ha terrorizzato i contadini del Burundi  anche se i critici hanno definito la pellicola un insulto al Burundi.

12) IL MESSAGGERO – Il film, uscito nel 2009, è basato sulla storia di Carmen Reed e della sua famiglia, residenti a Southington, nel Connecticut, negli anni’80. La storia è molto simile all’originale ma ha sofferto degli adattamenti di stampo hollywoodiano.

13) L’ESORCISTA – Il classico dei classici dell’horror che racconta la storia di una dodicenne posseduta dal demonio e che viene sottoposta ad un esorcismo da due preti. La storia riprende quella di un ragazzo che nel 1949 venne liberato dal diavolo nello stesso modo.

Another Tobe Hooper film, 1974’s “The Texas Chainsaw Massacre” is about a group of friends who visit a house in which one of their relatives once lived and are hunted down by a chainsaw wielding killer named Leatherface and his family of cannibals. The film was marketed as a “true story,” and, upon its release, was banned in several countries due to numerous complaints about its violence. According to Michael Newton, author of “The Encyclopedia of Serial Killers” and numerous other true crime books, there is a bit of truth to the film. “The [movie] is rooted in the real-life 1950s case of Wisconsin’s Edward Gein,” Newton told HuffPost. “Crazy Ed, like Hooper’s Leatherface character, wore the skinned-out scalps and faces of his victims and decorated his farmhouse with human remains.” Newton said there is no proof that Gein indulged in cannibalism, but the suggestion is there. “Arresting officers did find a victim’s heart in a pan atop Gein’s stove,” he said. “When asked if he planned to eat it, Gein allegedly replied, ‘Do you think I’m crazy?'” Gein’s crimes are said to be the inspiration for several other films, including, “Psycho” and “The Silence of the Lambs.”