Il manoscritto più misterioso del mondo

26/02/2011 - di

Ancora senza una vera soluzione la storia del libro di Voynich. La storia comincia nel 1912, quando nel collegio dei Gesuiti di Villa Mondragone, nei pressi di Frascati, un mercante di libri di nome Wilfred Voynich, acquista qualche decina di

Ancora senza una vera soluzione la storia del libro di Voynich. La storia comincia nel 1912, quando nel collegio dei Gesuiti di Villa Mondragone, nei pressi di Frascati, un mercante di libri di nome Wilfred Voynich, acquista qualche decina di volumi custoditi nella biblioteca e venduti perchè pare che i Gesuiti avessero bisogno di denaro.

UN LIBRO MISTERIOSO – Fra i volumi, ve n’era uno, alto ventidue centimetri e largo sedici, di centodue fogli di pergamena di vitellino vergati con inchiostro di diversi colori. All’interno, decine di disegni che ritraggono piante, segni zodiacali, strani diagrammi, figure femminili, recipienti e ampolle. Il testo è costituito da circa 250.000 caratteri che formano 4.182 insiemi che sembrano parole; 1.284 di esse ricorrono più di una volta; 184 sono presenti più di quindici volte; 308 sono presenti almeno otto volte. Cosa c’è scritto in questo libro? Cosa rappresentano i disegni? Nessuno lo sa. All’interno Voynich rinviene una lettera datata ‘Praga, 19 agosto 1665′ e firmata da Johannes Marcus Marci, medico di Rodolfo II di Boemia, con la quale chiedeva al suo amico Athanasius Kircher di decifrare il libro. Marci scriveva inoltre che si trattava di un manoscritto medievale che aveva ereditato da un suo amico, che lo aveva a sua volta ricevuto da Rodolfo II.

NESSUNA SOLUZIONE – Nel corso dei secoli in molti hanno provato a decifrarne il contenuto, senza risultato. I tentativi sono stati innumerevoli: il testo è stato confrontato con tutte le lingue e i dialetti conosciuti, alcuni hanno ipotizzato un idioma esoterico oppure pensato al collegamento con la simbologia alchemica, molto in voga nel Cinquecento, altri ad una lingua ormai perduta. Dilettanti e scienziati hanno provato con svariate tecniche, anche utilizzando calcolatori potenti e programmi pensati per studiare la superficie lunare; ogni tanto esce qualcuno che sostiene di averlo tradotto e interpretato. Ma non è così. La verità è che non abbiamo ancora la minima idea di cosa significhi tutto ciò che è contenuto nel libro, attualmente conservato presso l’Università di Yale, negli Stati Uniti.

FORSE, UNA TRACCIA – Uno spiraglio di luce è apparso solo pochi giorni fa quando il professor Greg Hodgins che guida un gruppo di ricercatori dell’Univerità dell’Arizona, ha reso noto di essere riuscito a stabilire l’età esatta del manoscritto. Le ipotesi fino a questo momento più accreditate, facevano leva su indizi e caratteristiche intrinseche più o meno vaghe, come ad esempio i materiali, la consistenza dei fogli, oppure la somiglianza di alcuni elementi con altri. Ad esempio, sembrava abbastanza attendibile la teoria secondo cui un fiore raffigurato in uno dei disegni, fosse molto somigliante al fiore di una pianta presente in Europa, solo dopo la scoperta dell’America.

MA NON TUTTO E’ CHIARO – Questo indizio faceva naturalmente supporre che la data di origine del documento fosse successiva al 1492. Complessivamente comunque, l’età del manoscritto si faceva risalire all’epoca in cui visse Rodolfo II di Boemia, nella seconda metà del Cinquecento. I ricercatori dell’Università dell’Arizona hanno prelevato e studiato a lungo un piccolissimo lembo di pergamena; poi finalmente, mediante la tecnica del radiocarbonio 14, hanno stabilito che il manoscritto risale al periodo compreso tra il 1.404 e il 1.438, circa un secolo prima di quanto si pensasse. La storia però non si è conclusa e il manoscritto di Voynich, conosciuto anche come ‘il manoscritto più misterioso del mondo’, conserva ancora intatto il suo fascino.

3 Commenti

  1. Mimmo scrive:

    Capito tutto… prima cosa x fare la datazione si sono ricordati del C-14 solo ora!

    Seconda cosa tnt x ridere un po’….
    Ma facciamo un confronto: Prendiamo un ragazzo di oggi di 15 anni… ok? LAsciateli del tempo a disposizione, diciamo 5 ore al giorno e con una connessione a internet. Al netto degli usi impropri che potrà fare penso per meno di mezz’ora… ;) Si metterà a ricercare cose strane…. segnali dallo spazio codici per infrangere barriere informatiche… no?

    Ora prendiamo un monaco che ha molte ore a sua disposizione lasciato solo con carta e penna (i mezzi più tecnologici dell’epoca) e una biblioteca di robe e robe strane… che si metterà mai a fare questo?

    A CAZZEGGIARE!

  2. Morando Sergio Crocefieschi Genova Malpotremo Lesegno Italia scrive:

    Sarà un libro dove Dan Brown ha preso spunto…The Lost Symbol..vero ? Segreti di simboli di loggia e massoni..alchimia occulto l’avrà scritto un illuminato vero o quelli di lista con tanto di nomi cognomi città e professioni..su: http://www.uominiliberi.eu chissà un tempo erano veri illuminati..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

BURKINA-POLITICS-CRISIS-KAFANDO

Com’è finita in Burkina Faso

18:35 La transizione sarà guidata dai militari nonostante le proteste della piazza, dell'Unione Africana e del resto del mondo. Per un anno, si spera. L'unica certezza è la fine del regime di Blaise Compaoré, da 27 anni al potere e odiatissimo dal popolo CONTINUA

atalanta-roma streaming

Atalanta-Roma streaming: come seguirla

17:17 Atalanta-Roma streaming: ecco come seguire l’anticipo di Serie A di sabato 22 novembre tra la squadra allenata da Colantuono e il tecnico francese Garcia. Inizia quindi con Atalanta-Roma la dodicesima giornata di campionato dopo la lunga sosta CONTINUA