Non solo Battisti: tutti i terroristi latitanti all’estero

30/12/2010 - di

Elenco un elenco di nostri concittadini costretti a fuggire per evitare il carcere. Sono ‘diverse decine’ i terroristi italiani fuggiti dall’Italia dalla fine degli anni Settanta e latitanti all’estero. LATITANTI IN FRANCIA - Gli anni sono trascorsi e per alcuni i

Elenco un elenco di nostri concittadini costretti a fuggire per evitare il carcere.

Sono ‘diverse decine’ i terroristi italiani fuggiti dall’Italia dalla fine degli anni Settanta e latitanti all’estero.

LATITANTI IN FRANCIA - Gli anni sono trascorsi e per alcuni i reati sono caduti in prescrizione, come e’ stato per l’ex leader di Potere Operaio Oreste Scalzone, condannato a 16 anni, rifugiato in Francia e tornato in liberta’ nel 2007. Proprio la Francia, tra il 1978 ed il 1982, era diventata la meta di una vera e propria migrazione: 400-500 esponenti della composita galassia eversiva italiana si riversarono Oltralpe. Tra i rifugiati a Parigi fino al 2004 figurava anche anche Cesare Battisti. Dopo quella data, quando si stava avvicinando la sua estradizione per una condanna all’ergastolo, Battisti aveva fatto pero’ perdere le sue tracce, per poi riapparire a Rio de Janeiro, in Brasile, dove nel 2007 venne arrestato. Sempre nel 2007 nella capitale francese venne arrestata l’ex Br Marina Petrella, condannata in Italia all’ergastolo. L’anno successivo il presidente Nicolas Sarkozy decise pero’ la revoca della sua estrazione per ‘motivi umanitari’, viste le precarie condizioni di salute dell’ex Br al cui capezzale arrivo’ anche la premiere dame Carla Bruni.

…SVIZZERA - In terra francese inoltre ci sarebbero latitanti come Giorgio Pietrostefani, condannato a 22 anni per l’ omicidio del commissario Luigi Calabresi ed Enrico Villimburgo, altro brigatista condannato all’ ergastolo nel processo Moro ter; Simonetta Giorgieri (che qualcuno indica in Spagna) e Carla Vendetti, sospettate di contatti con le nuove Brigate Rosse; Sergio Tornaghi, legato alla colonna milanese delle Br ‘Walter Alasia’, Roberta Cappelli, della colonna romana. Non estradabile dalla Svizzera, perche’ divenuto cittadino elvetico, il Br Alvaro Lojacono, condannato all’ergastolo per il delitto Moro. Altre destinazioni frequenti dei latitanti sono Sud e Centro America.

NICARAGUA, BRASILE - In Nicaragua risiede Alessio Casimirri, brigatista del commando che sequestro’ Aldo Moro ed uccise i cinque uomini di scorta. Condannato all’ergastolo, Casimirri, diventato cittadino nicaraguense, ha un ristorante sulla costa. E in Nicaragua ha trovato rifugio anche Manlio Grillo, ricercato per il rogo di Primavalle, nel quale morirono i due fratelli Mattei. Il suo ex compagno di Potere Operaio Achille Lollo vive invece in Brasile: nel 1993 il Tribunale supremo federale rigetto’ la richiesta di estradizione presentata dall’Italia. Per entrambi le condanne a 18 anni di reclusione per i fatti di Primavalle sono cadute in prescrizione.

GIAPPONE - Nel campo del terrorismo nero, uno dei latitanti e’ stato, fino al novembre scorso, Delfo Zorzi, militante di Ordine Nuovo, condannato in primo grado all’ ergastolo per la strage di Piazza Fontana e poi assolto in appello. Nel 1989 Zorzi divenne cittadino giapponese, con il nome di Roi Hagen, bloccando cosi’ i tentativi di estradizione. Il mese scorso l’ex ordinovista Zorzi, imputato al processo per la strage di piazza della Loggia, e’ stato assolto dai giudici della Corte d’assise di Brescia.

(Adnkronos)

1 Commento

  1. immaginate quanto sono lerci i politici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

Tavecchio 3, ma il Top sono i duelli su twitter

19:40 I DUELLI SU TWITTER 8 Il secondo più importante social network questa settimana ha dato il meglio di sé, o meglio lo hanno dato i politici. Primo fra tutti il premier Matteo Renzi che si è lanciato in hastag molto particolari come #mentreloro o CONTINUA