|

Michael Madison: il serial killer che getta le donne nella spazzatura?

Tre corpi di donne avvolti in sacchi di plastica, ma potrebbero essercene di più. È la macabra scoperta fatta dalla polizia di Cleveland dopo l’arresto di Michael Madison, 35 anni, finito in manette venerdì dopo il ritrovamento di uno dei tre corpi, nascosto in diversi sacchi dell’immondizia in un garage di una casa disabitata di East Cleveland a pochi passi da dove Madison è stato catturato e non lontano dalla “casa degli orrori” dove Ariel Castro ha tenuto segregate per dieci lunghi anni Amanda Berry, Gina De Jesus e Michelle Knight.

michael madison killer cleveland 1 (1)

UCCISE NON PIÙ DI DIECI GIORNI FA – Una volta tornati sul luogo, la polizia ha trovato altri due corpi: uno del giardino della casa e l’altro nella cantina di un’altra casa poco distante, anche questa disabitata. Tutti e tre i cadaveri sono stati ritrovati rannicchiati in posizione fetale e avvolti in sacchi di plastica Tutte e tre le vittime, spiega ad Abc il sindaco di East Cleveland Gary Norton, erano donne di colore e sarebbero morte non più di dieci giorni fa.

IL SOSPETTO: CI SONO ALTRI CADAVERI? – Michael Madison, già condannato per reati sessuali, è sospettato di tutti e tre gli omicidi ma soltanto oggi verranno formalmente pronunciate i capi di imputazione: “Temevamo che se fosse restato a piede libero avrebbe potuto colpire di nuovo” – ha spiegato ancora Norton, che non ha rivelato l’identità delle tre vittime. Una di queste, è stata trovata senza vestiti, mentre le altre due avrebbero indossato una maglietta, ma non è chiaro se avevano addosso anche altri capi di abbigliamento. La polizia e l’FBI stanno setacciando le altre case disabitate della zona: il sospetto è che possano esserci altri cadaveri ancora da scoprire e si fanno ricerche incrociate con le ultime segnalazioni di persone scomparse.

 

LEGGI ANCHE: Kate Middleton: il travaglio in diretta live

 

SULLE ORME DI UN ALTRO SERIAL KILLER – Secondo il sindaco Norton, Madison potrebbe essere stato influenzato dalla figura di Anthony Sowell, considerato uno dei peggiori serial killer dell’Ohio degli ultimi anni, responsabile della morte di undici donne, tutte uccise dal giugno 2007 al luglio 2009. Anche Sowell nascondeva i resti delle proprie vittime nelle case abbandonate e ora gli abitanti di East Cleveland non nascondono la propria paura: “Ho tre figlie e tutte le volte che cammino fino al supermercato sono spaventata – dice una donna del quartiere – Ho deciso di trasferirmi”.

(Photocredit: ABC News)