|

Il paese che ha legalizzato le droghe e ha dimezzato i tossicodipendenti

Esiste un paese in Europa dove, negli ultimi dieci anni, il numero di coloro che abusano di sostanze stupefacenti si è drasticamente dimezzato. Questo paese è il Portogallo, che nel 2003 ha deciso di legalizzare tutte le droghe come misura contro il narcotraffico e i crimini a esso correlati. Un decennio dopo, il paese ha annunciato questo straordinario risultato: legalizzando le droghe si è ridotto il numero di tossicodipendenti.

portogallo-legalizzazione-drogaESPERIMENTO DI SUCCESSO – Ne parla Forbes, che riporta le dichiarazioni di Joao Goulao, presidente dell’Istituto sulle Droghe e sulle Dipendenze: oggi, nel decimo anniversario dell’entrata in vigore della legge, Goulao ha sottolineato come il problema della tossicodipendenza sia in netto declino all’interno dei confini nazionali. “Depenalizzare l’uso degli stupefacenti invece che punirne l’uso – ha affermato – È stato un esperimento di successo”. Il numero di coloro con una grave dipendenza da droghe – quindi riconosciuti come consumatori compulsivi di droghe pesanti, spesso assunte per via endovenosa – è sensibilmente calato, passando dai 100.000 individui stimati nei primi anni Novanta a circa la metà di oggi.

 

LEGGI ANCHE: Siria: la guerra civile raddoppia

 

DA “CRIMINALI” A “PAZIENTI” – Goulao ha anche spiegato come questo risultato sia stato raggiunto grazie a una molteplicità di fattori oltre a quello della depenalizzazione, come nuove terapie a sostegno dei tossicodipendenti e nuove policy assistenziali. Ma, sottolinea Forbes, la maggior parte di queste nuove policy non sarebbero mai nate se non ci fosse stata questa legge: oggi sono circa 40.000 i portoghesi che sono in cura per uscire dal tunnel della droga. Le terapie sono diventante più economiche, e affrontano il problema con più umanità: invece di arrestare centomila criminali, il Portogallo sta curando quarantamila pazienti, ridefinendo il concetto di droga. Ma nessuna di queste opzioni, purtroppo, sembra essere possibile quando si è impegnati a combattere una guerra contro il narcotraffico.

(Photocredit: Getty Images)