L’uomo che scriveva bufale sulla Cina

triangolo-medicinali (10)

Giampaolo Visetti, giornalista corrispondente dal paese per La Repubblica continua a consegnare ai lettori una serie di falsi clamorosi nell'indifferenza generale. Ecco gli ultimi di una lunga serie

Il valente cronista dalla Cina per La Repubblica, ieri ha pubblicato un corposo articolo, “La casa grande come una città, dove nascere,vivere e morire“, nel quale descrive il “New Century Global Centre” un enorme edificio appena inaugurato in Cina, il più grande del mondo. Un articolo ripreso anche dalla rassegna stampa del sito del prestigioso Istituto Nazionale d’Urbanistica. L’articolo va giù bene, ma, esaurita la descrizione del nuovo oggetto, Visetti si lancia in divagazioni destinate a dannarlo. Personalmente ho avuto un sussulto quando ho letto che:

sky city one

IL GRATTACIELO INVECE NON C’È - Hanno costruito e inaugurato il grattacielo più alto del mondo e mi è sfuggito, nonostante tenga d’occhio il progetto fin dai primi annunci. E invece no, una vera sfortuna per Visetti che, anche a cercarlo, lo Sky City One non si trovi da nessuna parte al massimo si trovano dei rendering, perché hanno appena cominciato a scavarne le fondamenta dopo aver penato per ottenere i permessi e quindi quanto raccontato da Visetti si riferisce al progetto, il resto ce lo ha messo lui. Nemmeno il tempo di riprendersi dallo shock ed ecco subito un’altra bomba:

huaxi 2

LA NOTISSIMA HUAXI - Queste poche parole dovrebbero far saltare sulla sedia chiunque abbia una minima conoscenza della Cina, a parte tutte le persone abbastanza sane di mente da trasalire all’idea 2000 contadini con mucche polli e maiali al seguito, imbucati in un condominio, ma magari qualcuno può pensare che i cinesi abbiano realizzato chissà quale novità. Huaxi è infatti nota per essere una delle grandi storie di successo della Cina passata al capitalismo, perché lì gli abitanti hanno mantenuto in comune le proprietà collettive, dalle quali hanno  tratto di che investire per aprire aziende e arricchirsi ulteriormente, tutti insieme, e molto. L’idea che qualcuno possa aver preso i ricchissimi contadini di Huaxi e li abbia cacciati dentro a un enorme palazzone è assurda, e infatti la realtà è leggermente diversa ed è questa:

Huaxi

UNA FATTORIA VERTICALE? - I ricchi abitanti di Huaxi due anni fa si sono regalati un enorme grattacielo, oggi il quindicesimo per altezza al mondo, una cosina più alta di qualsiasi edificio residenziale europeo e per nulla tirata via. E questo nonostante siano appena in 2000 (eccoli, i contadini di Visetti) i fortunati residenti e comproprietari di tutto il benessere che si può osservare dalla sua terrazza. Capannoni su capannoni nei quali lavorano le industrie locali, gestite con oculatezza dalla comune impiegando manodopera accorsa da tutta la Cina. L’unica cosa che assomigli a un animale d’allevamento all’interno del grattacielo è questa:

bue huaxi

IL “CASERMONE” - Un  benaugurante bufalo d’oro massiccio, un portafortuna da circa 40 milioni di dollari di valore solo per il vil metallo. Niente di più lontano dall’idea del “casermone” con dentro stipati i 2000 “contadini” con animali al seguito, si tratta invece di un hotel con 800 suite, che in teoria dovrebbe andare incontro all’auspicato boom del turismo, fungendo allo stesso tempo da attrazione e albergo. Gli abitanti infatti non siedono sugli allori e stanno investendo nel turismo per diversificare ulteriormente.

A VISETTI CAPITA SPESSO - Un bell’infortunio per Visetti, che come spesso gli accade sembra aver fatto un patchwork d’articoli scelti senza pensarci e capirci troppo, ma poi cercando si scopre che è una storia che Visetti ha già raccontato con dovizia di particolari, inventati, nel 2011, anche se in maniera leggermente diversa. Un esercizio che merita una lettura per capire fino a dove si può spingere la fantasia dell’autore, già noto e sbertucciato per simili fantasie quando era corrispondente dal Giappone e che non ha cambiato molto lo stile passando in Cina. Se non che sembra aver aggiunto all’andare di fantasia anche il frequente ricorso al plagio.

A EZIO MAURO VA BENE - Accuse che non hanno evidentemente scosso la fiducia in lui da parte di Ezio Mauro, che ho provato senza successo ad informare e interpellare, come peraltro hanno fatto altri, su tutti i plagiati. E pensare che in altri paesi infortuni del genere portano al licenziamento e alla gogna, in particolare quando risultano tanto sistematici, anche se a onor del vero di solito sono appunto stroncati prima di assumere dimensioni del genere. Gli archivi de la Repubblica sono pieni di pezzi del genere, truffe sfacciate ai danni dei lettori ai quali Visetti racconta di tutto, dando libero sfogo a una vivace fantasia, ma anche a una terribile sciatteria, perché i marchiani errori nei quali incorre sono facilmente verificabili, così come nell’articolo in questione era facilmente verificabile, ad esempio,  che il CACC di Zaha Hadid non è affatto “interno” all’edificio di cui si occupa in apertura, si vede anche dalle immagini a corredo dell’articolo che vi sta di fronte, anche questo imponente, pur nelle sue linee sinuose.

CCAC

LEGGI ANCHE: Shanxi: viaggio a Linfen, la città più inquinata del mondo

NON NE HA PRESA UNA - Già, anche il resto dell’articolo che avevo sorvolato senza sospetti si è rivelato minato da errori incredibili e da due mani abbondanti di fantasia visettiana. Basta  aprire Wikipedia per scoprire che nemmeno il New Century Global Centre corrisponde a quello che racconta Visetti, che non può essere “una casa grande come una città, dove nascere,vivere e morire“, semplicemente perché non è un edificio residenziale, ma commerciale. Non è un palazzo-città autosufficiente, non ci sono scuole, cimitero, case, ospedali, case di riposo, niente di tutto questo, ed è facile trovare riscontro con pochi click, c’è ovviamente parecchio materiale sull’edificio più grande del mondo e tutto smentisce le fantasie di Visetti. Che quindi ha riempito un’intera pagina di falsità facilmente verificabili, frutto esclusivo della sua fantasia, perché nessun altro al mondo ovviamente si è inventato favole del genere a proposito dei quattro notissimi edifici cinesi da record che cita nell’articolo.

visetti 8

UNO SCANDALO INCREDIBILE - Per i lettori anche peggio del plagio del lavoro dei veri corrispondenti, perché così imparano una serie di sciocchezze inaudite e si fanno un’idea della Cina caricaturale e assolutamente fantasiosa, basta pensare a chi accede alla rassegna stampa dell’Istituto Nazionale d’Urbanistica. Difficile capire come La Repubblica possa rimanere indifferente a un tale massacro della sua stessa reputazione e come l’editore possa sopportare decine d’articoli del genere conservati in archivio e mai rettificati. Una trappola perfetta per quei lettori che volendo saperne di più sulla Cina, pensino d’affidarsi al corrispondente locale di uno dei principali quotidiani italiani, finendo per leggere una collezione di bufale e fantasie totalmente infondate, con ben pochi paragoni nel panorama giornalistico italiano. Tanto più grave in quanto Visetti scrive anche libri sulla Cina per Feltrinelli e passa da una manifestazione all’altra ricevendo il rispetto dovuto a chi ha viaggiato lontano per raccontarci cosa succede dalll’altra parte del mondo. Uno scandalo che continua da anni e che nessuno sembra intenzionato a far finire.