WhatsApp introduce l’emoticon per mandare la gente a quel paese

di Redazione | 30/07/2015

whatsapp

WhatsApp

ha introdotto l’emoticon con il dito medio. Al momento disponibile solo sulla nuova versione per Android scaricabile sul sito della popolarissima App per chattare, il dito medio era probabilmente l’emoticon mancante più desiderata dagli utenti. Ora le conversazioni su WhatsApp potranno anche concludersi con un simbolo per mandare a quel paese, ironicamente o sinceramente, il nostro interlocutore.

WHATSAPP ANDROID –

Da diverso tempo Unicode Consortium, il consorzio di aziende che sviluppa Unicode, ha inserito l’emoticon che rappresenta il dito medio tra i caratteri disponibili per gli utenti. Il simbolo con la mano girata e il dito allungato, come si chiama asetticamente per Unicode Consortium, rappresenta in larga parte del mondo uno dei gesti più osceni e volgari, normalmente utilizzato per insultare altre persone. Tra le tantissime emoticon mancava, ma ora che il dito medio è stato inserito in Unicode 7 le aziende che sviluppano i sistemi operativi degli smartphone hanno deciso di utilizzarla. La prima è stata Microsoft con Windows 10, mentre ora anche su Android si potrà digitare l’emoticon con il dito medio. L’ultima versione di WhatsApp per Android, 2.12.210, che contiene l’attesa emoticon non è ancora disponibile su Google Play. Navigando sul sito di WhatsApp è però possibile scaricarla, e togliendo la spunta dalle impostazioni che blocca le installazioni da fonte esterni a Google Play è possibile inserirla sul proprio smartphone. WhatsApp è l’applicazione di messaggeria istantanea più diffusa al mondo, con oltre 800 milioni di utenti. Chi utilizza Android o Windows Phone, oppure WhatsApp da Pc, potrà ora divertirsi inviando non solo smile e cuoricini, ma anche un dito medio, ai numerosi compagni di chat. Un altro modo per utilizzare questa emoticon è copiarla dal sito emojpedia, dove sono raggruppati tutti questi simboli, e poi incollarla su Android.

LEGGI ANCHE

I 18 trucchetti da conoscere per usare meglio WhatsApp

Cosa cambia su WhatsApp Web

WhatsApp e Facebook, ecco la prima integrazione

Photocredit: GABRIEL BOUYS/AFP/Getty Images

TAG: Whatsapp