L’ira di Virginia Raggi per la polemica sulle Fosse Ardeatine

di Stefania Carboni | 23/03/2017

virginia raggi fosse ardeatine

«Primo luogo visitato con fascia tricolore. Sciacallaggio contro di me non si ferma neppure di fronte al valore della Memoria». Il tweet, duro, è stato lanciato dalla sindaca Virginia Raggi, in pausa, dalla sua città e quindi assente oggi alla commemorazione delle Fosse Ardeatine.

Stamattina al mausoleo erano presenti il Campo dello Stato Sergio Mattarella, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e per il comune il vice sindaco di Roma Luca Bergamo. La sindaca è attesa per lunedì nella capitale, una mancanza che (in vista della campale giornata di sabato per i Trattati di Roma) ha sollevato diverse polemiche.

Il primo ad attaccare la Raggi è stato il deputato Pd Gennaro Migliore che sostiene: «Una sindaca senza memoria è una sindaca senza futuro», mentre la deputata dem Alessia Morani ha aggiunto: «La Raggi scia scordandosi dell’anniversario delle Fosse Ardeatine, ma almeno il Comune si sta informando sulla cittadina italiana ferita a Londra?». E ancora dal Pd il deputato romano Marco Miccoli: «Credo sia la prima volta nella storia della Repubblica, nata dalla Resistenza, che alla celebrazione in ricordo dei Martiri delle Fosse Ardeatine il sindaco di Roma sia assente, con la giustificazione che sta sciando».

virginia raggi fosse ardeatine

virginia raggi fosse ardeatine

virginia raggi fosse ardeatine

virginia raggi fosse ardeatine

«Il Sindaco di Roma diserta – ha invece dichiarato l’ex capogruppo Sel in Assemblea Capitolina, Gianluca Peciola – prima volta nella storia, le celebrazioni dedicate ai martiri delle Fosse Ardeatine, per superiori impegni istituzionali: gli sci. Assente dalla vita della città e dalla sua memoria». La polemica è diventata virale sui social network, con l’hashtag #fosseardeatine.

(foto copertina ANSA/ALESSANDRO DI MEO)