Usa, un giudice federale blocca anche il secondo muslim ban di Trump

di Redazione | 16/03/2017

muslim ban

Un giudice federale nella Hawaii, Derrick Watson, ha bloccato temporaneamente a livello nazionale la seconda versione del bando (il ‘muslim ban’) sugli ingressi negli Stati Uniti presentato dall’amministrazione guidata da Donal Trump. La decisione del giudice impedisce al provvedimento di entrare in vigore nelle prossime ore come previsto.

 

LEGGI ANCHE > In Europa non ci sono mai stati tanti occupati. L’Italia però sorride meno

 

USA, BLOCCATO DA UN GIUDICE FEDERALE IL SECONDO MUSLIM BAN DI DONALD TRUMP

Sono diversi gli Stati dove sono in corso tentativi della magistratura di fermare l’entrata in vigore del nuovo bando. Tra questi ci sono il Maryland, lo Stato di Washington e le Hawaii dove corti federali hanno esaminato il caso in queste ore. L’argomentazione avanzata nelle Hawaii ritiene il testo discriminatorio sulla base della nazionalità affermando che danneggerebbe i cittadini dello Stato in quanto impedirebbe loro di ricevere visite da parenti provenienti dai sei Paesi a maggioranza musulmani interessati dal provvedimento. Si imputa inoltre al muslim ban un possibile danno al settore turistico per le Hawaii e limiti nella possibilità di accogliere studenti e lavoratori stranieri.

Un commento alla decisione da parte di Donald Trump non si è fatta attendere. Il presidente degli Stati Uniti ha dichiarato: «Il pericolo è chiaro, la legge è chiara, il bisogno per il mio ordine esecutivo è chiaro. Lotteremo e vinceremo» portando l’ordine esecutivo che limita l’ingresso negli Usa da alcuni Paesi a maggioranza musulmana «fino alla Corte Suprema». Trump parla di «abuso senza precedenti».

(Foto da archivio Ansa. Credit: EPA / SHAWN THEW)