Usa, Trump valuta dazi al 100% su prodotti Ue. Nel mirino anche la Vespa Piaggio

di Redazione | 30/03/2017

vespa piaggio

L’amministrazione Usa sta valutando di imporre dazi punitivi fino al 100% su prodotti Ue, colpendo anche l’Italia. In particolare si pensa a dazi sugli scooter Vespa (prodotti dalla Piaggio), l’acqua Perrier (della Nestlè, che produce anche la San Pellegrino) e il formaggio Roquefort, il foie gras, altre moto di fabbricazione europea come le svedesi Husqvarna e le austriache Ktm. La scelta dell’amministrazione guidata da Donald Trump sarebbe una risposta al bando Ue sulla carne di manzo Usa di bovini trattati con gli ormoni. A scriverlo è oggi il Wall Street Journal.

 

LEGGI ANCHE > Terrorismo, c’era una cellula jihadista in pieno centro a Venezia: 3 arresti

 

USA, DAZI FINO AL 100% SU PRODOTTI UE: NEL MIRINO ANCHE VESPA PIAGGIO

Secondo il quotidiano internazionale dietro la misura ci sarebbero le proteste dei produttori di carne di manzo americani, secondo i quali l’Unione Europea non ha aperto abbastanza i propri mercati alla loro carne di manzo non trattata con gli ormoni, come prevedeva un accordo del 2009. Dunque, si tratterebbe di un vecchio contenzioso che risale ai tempi di George W. Bush, che non è stato poi risolto durante l’amministrazione Obama. Spiega Federico Rampini su Repubblica:

Nel 2008 l’organizzazione del commercio mondiale (Wto) diede torto agli europei e ragione agli americani, dichiarando illegale quel divieto almeno nella sua formulazione e applicazione troppo estensiva. Nel 2009 Washington e Bruxelles raggiunsero un compromesso che in teoria doveva porre fine alle ostilità: il divieto europeo sarebbe stato applicato in modo più selettivo e mirato, in modo da ammettere, negli scaffali dei supermercati Ue, carne di manzo proveniente da allevamenti che non somministrano ormoni. L’accusa di Washington: quell’accordo non viene rispettato dagli europei.

Le esportazioni di manzo americano in europa sono limitate. Il nostro continente compra meno della metà di quanto comprano Canada o Messico e meno di un quarto di quel che compra il Giappone. Introdurre dazi punitivi fino al 100% del valore dichiarato dei prodotti significa farne raddoppiare il prezzo.

(Foto da archivio Ansa. Credit: Ron Sachs / CNP / Pool / ABACAPRESS.COM)