L’uomo che scopriva i nuovi squali

di Redazione | 24/06/2015

Dave Ebert è un biologo marino al Pacific Shark Research Center (PSRC) dei Moss Landing Marine Laboratories (MLML), di Moss Landing, California, e da solo ha identificato per la prima volta 24 specie sconosciute di squali o di loro vicini parenti.

Dave Ebert con una delle sue studentesse (via )
Dave Ebert con una delle sue studentesse (via Pacific Shark Research Center)

 

GLI SQUALI SCONOSCIUTI AL MERCATO DEL PESCE –

Il posto migliore dove cercare uno squalo mai identificato prima? Il mercato di Taiwan, dove Ebert ha trovato 10 specie sconosciute appartenenti alla famiglia degli squali.  Lo frequenta da quando era studente 30 anni fa, quando s’accorse per la prima volta che per quel luogo passavano molti pesci sconosciuti alla scienza e agli stessi pescatori, che non se ne curavano più di tanto. Così con il tempo Ebert è diventato una figura conosciuta ai pescatori, che a quel punto gli hanno portato gli esemplari dalla genealogia più dubbia, risparmiandogli la pena di cercare tra ceste e casse.

LA CACCIA E POI LO STUDIO –

La sua prima scoperta risale però agli anni ’80 ed è avvenuta a bordo di una nave per la ricerca al largo della Namibia, ma solo 20 anni dopo Ebert è riuscito a dare un nome a quello strano squalo sudafricano. A volte però le scoperte si sono affacciate sulla porta di casa, come quella volta che ordinando dei campioni per i suoi studenti, ricevette per sbaglio un piccolo squalo di una specie sconosciuta, scambiato dai fornitori per quello richiesto, direttamente in laboratorio. Poi ci sono gli esemplari sconosciuti e non ancora classificati e nominati, ne ha una trentina di esemplari in attesa di questa sorte.

LEGGI ANCHE: North Carolina: incubo squali tigre. Due ragazzini aggrediti in poche ore

SONO ANCORA MIGLIAIA LE SPECIE DA SCOPRIRE –

Può sembrare un risultato eccezionale, ma l’anno scorso sono state identificate circa 18.000 (diciottomila) nuove specie animali e vegetali, non che siano proprio sconosciute, la maggior parte di loro non è semplicemente mai stata catalogata e identificata, perché è un processo che può richiedere mesi, se non anni.