The Handmaid’s Tale 3×11: Quando ne uccide più la penna della spada- Recensione

Ecco la nostra recensione dell’undicesimo episodio di The Handmaid’s Tale 3 dal titolo “Liars”, un episodio che racchiude parecchie soddisfazioni.

Dopo il decimo episodio di The Handmaid’s Tale 3 (Qui la nostra recensione) dal titolo “Bear Witness” (Testimonianza) rilasciato la settimana scorsa dove c’è stato un avanzamento della trama, che ci ha fatto intravedere uno spiraglio di luce all’ orizzonte, eccoci giunti all’undicesimo episodio dal titolo “Liars” (Bugiardi), che dona allo spettatore parecchie soddisfazioni.

The Handmaid's Tale 3x11
The Handmaid’s Tale 3×11

Inizio subito col dire che ci troviamo di fronte a un episodio pieno d’azione, di momenti appaganti e del tutto inaspettati. Tutti gli episodi precedenti della terza stagione sono serviti da preparazione a quello che abbiamo visto in “Liars”.

Se non ci fossero stati, non so quanto avremmo veramente potuto apprezzare, tutto quello che è successo in questo episodio.

June e Lawrence in questo undicesimo episodio di The Hndmaid’s Tale 3

Il comandante Lawrence è un uomo estremamente intelligente, ha capito che salvare cinquantadue bambini è un’impresa disperata e difficilissima da compiere. Un conto quando si parlava di dieci bambini, era una missione senza dubbio rischiosa, ma con alte probabilità di riuscita, cinquantadue è tutto un altro paio di maniche.

Ecco perchè in preda al panico e dalla paura cerca di fuggire per tentare di portare in salvo sua moglie, l’unica persona che conta qualcosa per lui. L’atto forzato della cerimonia, la settimana scorsa, è stato un chiaro segnale del declino del suo potere. Proprio per questo motivo la sua impresa, fallisce miseramente. Se per molti versi il piano di June sembra folle e irrealizzabile, per i coniugi Lawerce diviene l’unica possibilità.

June ne ha abbastanza

In questo undicesimo episodio di The Handmaid’s Tale 3 vediamo una June che è stanca di subire, stanca di essere torturata sia psicologicamente che fisicamente, ne ha abbastanza. Penso che nel momento in cui ha aggredito il comandante Winslow il suo stato mentale sia stato il medesimo in cui versava Emily nel finale della seconda stagione, quando ha pugnalato e aggredito Zia Lydia in una scena alla “Psycho”.

Meraviglioso come sempre il simbolismo, dove è proprio una penna, l’oggetto che le donne a Gilead non possono utilizzare, che diviene l’arma del delitto.

Bye Bye Comandante Winslow

Sicuramente uno dei momenti più soddisfacenti di questo undicesimo episodio di The Handmaid’s Tale 3 è stato l’assassinio del Comandante Winslow. Dice il detto: “Ne uccide più la penna della spada” ma mai come in questo caso il significato è tutt’altro che allegorico come dovrebbe indicare.

Sebbene in un momento di paura e piena disperazione, la persona che rischia la vita, cerca sempre di fare leva sulla coscienza del suo carnefice, in questo caso le sue ultime parole “I miei figli” sono proprio la goccia che fa traboccare il vaso, sono quelle che servono a June per sferrare il colpo di grazia. E’ proprio per i bambini che deve farlo.

The Handmaid's Tale 3x11
The Handmaid’s Tale 3×11

Tuttavia, per quanto sia stato assolutamente appagante poter osservare la fine di Comandante, di uno dei cattivi di Gilead, uno dei potenti, l’uscita di scena di questo personaggio è stata un po’ prematura. Christopher Meloni è un attore meraviglioso, poliedrico e avrebbe potuto regalarci ancora molto.

Soprattutto non sapremo mai quali fossero i suoi reali sentimenti per Fred.

 

Il tradimento di Serena

Nella recensione del decimo episodio di The Handmaid’s Tale 3 avevo detto che Serena è una donna molto furba, ha ben chiaro l’obbiettivo che vuole raggiungere e cerca di ottenerlo ad ogni costo. Non sapevo ancora cosa sarebbe successo quindi la domanda che mi ero posta era solamente in merito a Fred e a come si sarebbe comportato con la moglie dopo la scoperta del telefono satellitare.

The Handmaid's Tale 3x11
The Handmaid’s Tale 3×11

Non mi sarei aspettata certo di vedere un marito devoto a sua moglie, pronto ad abbandonare tutti i sacrifici fatti in quest’ultimo periodo pur di vedere sua moglie felice. Un uomo consapevole della sua infertilità che vede la piccola Nichole come unica speranza di essere padre.

Mi sono soffermata talmente tanto su Fred da non aver individuato il piano diabolico di Serena.

Serena non ha dimenticato le frustate, il dito tagliato ma soprattutto non ha dimenticato le rinunce, tutto quello che non le è più consentito fare da quando esiste Gilead. Per quanto mi è sembrato un po’ ipocrita da parte sua accusare Fred di averle portato via la scrittura, qualcosa che faceva parte della sua identità. Ma è stata lei a volere Gilead, a giustificare tutti gli atti terroristici compiuti in nome della fede e adesso si lamenta? Lei ha voluto la bicicletta, lei doveva solo pedalare. Come stavo dicendo, per quanto mi è sembrato un po’ ipocrita mai avrei pensato che sarebbe stata disposta a sacrificare suo marito per riavere Nichole.

The Handmaid's Tale 3x11
The Handmaid’s Tale 3×11

D’altronde June l’aveva detto: “l’unico modo che hanno i criminali di guerra per salvarsi al di fuori di Gilead è offrire in cambio qualcosa di valore”

E se per Lawrence sono i bambini “rubati”, per Serena è la consegna del marito come merce di scambio per la sua salvezza e molto probabilmente, per riavere Nichole.

Ammettiamolo, tutti noi avremmo voluto veder pagare i coniugi Waterford per i crimini e le atrocità che hanno commesso in questi anni.

Anche se dobbiamo accontentarci di veder arrestato solamente Fred, possiamo dire che ha regalato comunque un momento di profonda giustizia e appagamento.

Non resta che domandarsi se, dopo tutto questo, Serena riuscirà a riprendersi Nichole.

E se mi chiedete come faccio ad essere convinta che Serena abbia tradito Fred, potete guardare qui di seguito il promo dell’episodio 12 di The Handmaid’s Tale 3

https://www.youtube.com/watch?v=Vakfl5RhPjM&t=31s
The Handmaid’s Tale 3×12

Incongruenze di The Handmaid’s Tale 3×11

  • Una nota stonante secondo il mio punto di vista è stata la scelta della colonna sonora nel momento in cui Fred seguiva in macchina Tuello. Quel tipo di musica faceva intuire troppo che qualcosa di serio stava per accadere.
  • Vi assicuro che non c’è alcun tipo di cattiveria nelle mie parole ma, è mai possibile che June riesca sempre a salvarsi? Che la donna che trova June è proprio una delle Marte da lei salvate? Sarebbe stato più credibile se, la Marta in questione, avesse visto June non appena quest’ultima fosse entrata a Jezebel e che l’avesse tenuta d’occhio per tutta la sera.

Il dodicesimo episodio di The Handmaid’s Tale 3, uscirà sulla piattaforma streaming Hulu il 7 agosto 2019. In Italia, sarà disponibile su Tim Vision, il giorno dopo, doppiati in Italiano.

Continuate a seguirci su talky! per scoprire tutte le novità di The Handmaid’s Tale 3 e non dimenticate di passare dalla pagina facebbok The Handmaid’s TaleItalia, il gruppo facebook The Handmaid’s Tale – Italia gruppo di supporto e Serietvinside

Share this article