Stranger Things: La produzione non trasformerà lo show in un franchise

La terza stagione di Stranger Things non arriverà prima del 2019, intanto la produzione parla della possibilità di dare vita ad un franchising. 

Stranger Things, senza ombra di dubbio uno degli show più popolari di Netflix, si presenta come un mondo pieno di possibilità per la creazione di spinoffs, prequels, video games, etc., ma secondo il produttore Shawn Levy, il team non si sta muovendo in termini di “franchise”. L’interesse e la preoccupazione per Stranger Things si concentra solo, ed esclusivamente, sulle prossime stagioni.
Stranger Things
Stranger Things

Le parole di Shawn Levy in merito al futuro di Stranger Things

In una delle ultime interviste rilasciate a Matt e Ross Duffer non hanno intenzione di abbandonare la nave) è restare fortemente concentrati sullo show. Il team non sta pensando quindi di espandere il mondo di Stranger Things.

La nozione di franchising non esisteva su Netflix prima di Stranger Things. E sicuramente abbiamo assistito alla nostra crescita nel passaggio al merchandising, mentre ci muoviamo verso partnerships, e partnerships promozionali. Non ne parliamo come ‘franchising’. Vogliamo sicuramente fare diverse altre stagioni. Oltre a ciò, sicuramente questo è diventato uno dei marchi di punta di Netflix. E vorrebbero che raccontassimo queste storie in qualsiasi modo e per il maggior numero di anni possibili. 

Intanto, in merito alla terza stagione dello show, abbiamo avuto la conferma della presenza nel cast dell’interprete di Jonathan Byers, Charlie Heaton. Inoltre potrebbero arrivare anche tre nuovi personaggi per i nuovi episodi che non arriveranno prima del 2019. Il sindaco Larry Kline, il giornalista Bruce e Patricia Brown. Nuovi personaggi e nuove storie da raccontare per la terza stagione di Stranger Things. Non ci resta che continuare a tenere gli occhi e le orecchie spalancate, in attesa delle prime anticipazioni in merito ai nuovi episodi della serie, otto in tutto, che dovrebbero portare con sé un salto temporale di un anno.
Iscrivetevi al gruppo Punto Netflix!

Share this article