The Order, la nuova serie TV Horror in arrivo su Netflix

Dopo la notizia relativa alla serie TV V-Wars con Ian Somerhalder, ecco che Netflix annuncia una nuova serie TV di ambientazione horror: “The Order“.

Premettiamo subito che la serie TV non ha alcun riferimento con il famoso Videogioco “The Order 1886”. La serie prodotta da Nomadic Pictures (Van Helsing, Hell on Wheels), sarà composta da 10 episodi in questa prima stagione e la scelta dei protagonisti è caduta su Jake Manley (Heroes: Reborn, Izombie) e Sarah Gray (Legends of Tomorrow).
Sarah Gray sarà Alyssa.

Altri protagonisti saranno Matt Frewer (Altered Carbon), Sam Trammell (True Blood) e Max Martini (Revenge, Training Day). The Order è scritto da Dennis Heaton (Motive) e Shelley Erksen (Private Eyes). La serie segue le vicende della matricola Jack Morton (Manley), che si unisce a una misteriosa setta segreta, “The Order” appunto, venendo catapultato in un mondo di magia e orrore con tanti intrighi da sbrogliare. Jack finirà per scoprire oscuri segreti legati alla sua famiglia fra battaglie tra lupi mannari e oscure arti magiche.
Jake Manley sarà Jack.

Ruolo decisamente action per la protagonista femminile Alyssa (Sarah Gray), anch’essa membro di “The Order” e descritta come intelligente e specializzata sia nell’ambito investigativo che in quello scientifico e che dimostrerà subito interesse per Jack.
The Order è descritto come un viaggio magico e terrificante per scoprire i nostri veri mostri che si nascosti dentro di noi. La serie è prodotta da Heaton, Eriksen, Chad Oakes, Mike Frislev e David Von Ancken. La collaborazione fra Nomadic e Netflix dunque si consolida ulteriormente dopo “Ghost Wars“.
Sam Trammell sarà fra i co-protagonisti della serie TV.

The Order verrà distribuito in tutto il mondo su Netflix, mentre negli USA andrà sul canale specializzato SyFy. Al monento non sono state fornite delle date certe di uscita della serie TV.
Restate con Talky Series per essere sempre aggiornati sulle novità più importanti dal mondo delle serie TV.

Share this article