Chicago PD 5×20 – Recensione: Non puoi salvare tutti

Paura, adrenalina pura e lacrime che mi bagnano il viso negli ultimi minuti di questo episodio di Chicago PD 5 che non potrei descrivere in nessun altro modo se non utilizzando due semplici parole: Hank Voight!

E’ lui, ancora una volta, a tenermi incollata allo schermo in questo episodio della quinta stagione di Chicago PD. Jason Beghe regala un’altra incredibile performance al suo pubblico, a quei fan che non lo abbandonano e non lo faranno mai… Esattamente come Alvin Olisnky. I primi minuti di questo nuovo episodio di Chicago PD portano una nuova consapevolezza: Danny farà di tutto per distruggere la vita di Hank Voight. E chiunque cercherà, o ha cercato di aiutarlo, finirà a fondo con lui.
Alvin ne è consapevole, ma non importa. Il solo modo per salvare entrambi è che lui viva quell’inferno che Danny Woods ha preparato. Guardare il volto di questo personaggio provoca in me una rabbia che non sarei in grado di spiegare con delle semplici parole. E’ la stessa rabbia che abbiamo visto negli occhi di Hank, la stessa rabbia che non passerà fino a quando il sergente del Distretto 21 non abbatterà, una volta per tutte, Danny Woods.
Chicago PD
Chicago PD 5

Bastano pochi minuti per capire cosa troveremo in questo nuovo episodio di Chicago PD 5. Una ragazza che oggi ha 18 anni e che Hank conosce da quando ne aveva sette. Una giovane donna abbandonata a sé stessa, una giovane donna che Camille ha cercato di proteggere fino alla fine. Le emozioni travolgono ogni istante di questo episodio di Chicago PD che potrei rivedere ancora, ancora e ancora.
Tutto scorre velocemente nel nuovo episodio One Chicago. Hannah cerca Hank, ha bisogno del suo aiuto. Ma non ha il tempo di parlare perché, in pochi minuti, viene portata via senza lasciare alcuna traccia dietro di sé. Il caso è dell’Intelligence. Hank ci mette l’anima, come sempre. Ma questa volta c’è qualcosa di diverso. C’è Camille dietro gli occhi di Hannah, la sua Camille. Nessuno dei detective sa chi sia questa ragazza, quale sia il suo legame con Hank e perché il sergente cerchi di salvarla e giustificarla in ogni modo.
Chicago PD
Chicago PD 5

Camille ha controllato quella ragazza fino a quell’ultimo respiro, poi Hank ha preso il suo… fino alla morte di Justin. Il sergente dell’intelligence cerca Hannah con tutte le sue forze. Antonio è con lui, così come gli altri detective. Anche il nome di Lindsay torna a farsi sentire, e per un momento mi rendo conto che questa sarebbe stata la situazione che solo Erin avrebbe capito. Perché lei era come Hannah, ed è stato Hank a salvarla.
Sembra un caso impossibile, ma piano piano qualcosa inizia a muoversi. Adam e Kevin trovano la migliore amica di Hannah. Abbiamo due nomi, uno è del fidanzato di Hannah. Intanto, Ruzek aiuta il suo sergente a capire cosa sta succedendo intorno ad Olisnky. Il caso è pronto, il gran giurì è stato chiamato. Hank non può restare con le mani in mano e così fa la sola cosa che avrei fatto anche io: prendere il toro per le corna. Danny vuole distruggerlo? Faccia pure, ma lasci fuori Alvin da tutto questo.
Il volto di Danny Woods è pieno di scherno e odio nei confronti di Hank Voight così come i miei occhi sono pieni di odio per lui. Per quest’uomo che, come disse Adam, non sarà mai nemmeno la metà del sergente Hank Voight. Vorrei che quel giudice lasciasse andare Hank per dargli l’occasione di chiudere questa storia una volta per tutte. Ma poi mi rendo conto che, in questo modo, Danny vincerebbe 3-0 a tavolino. E allora respiro, e sono felice di vedere Adam vicino al suo sergente.
Chicago PD
Chicago PD 5

Alvin gli ha chiesto di restargli vicino, Adam lo fa. E non per le informazioni che “non” ha mai dato a Woods. Ma perché si fida del suo capo, vuole aiutalo, vuole aiutare Alvin, quell’uomo che è stato come un padre per lui al Distretto 21. Nello scorso episodio di Chicago PD, Alvin ha cercato di incastrare un uomo innocente per aiutare sé stesso ed Hank. Non avrei mai voluto vederlo abbracciare in quel modo i suoi fantasmi. Ma in questo episodio di Chicago PD mi sono ricordata perché amo questo personaggio: andrebbe in prigione per Hank, e lo farebbe senza pensarci due volte.
Il nuovo episodio di Chicago PD 5 ci riporta al vecchi Hank Voight. Quello dalle maniere forti, l’uomo della gabbia. Amo questo lato di Hank che per per un po’ è stato messo da parte. Lui che sa come essere un poliziotto in una città come Chicago. Scendere a compromessi per mettere dentro i cattivi e aiutare i ragazzi che vivono una vita difficile. Proprio come Hannah. Le foto mandate ai notiziari da Woods intanto aiutano a trovare Hannah e il suo ragazzo. Hank chiede di non sparare, vuole salvarla. Per Hannah, per sé stesso, per Camille.
E mentre i minuti scorrono, nella mia mente solo lo sguardo di Hank Voight mentre le lacrime mi bagnano il viso… Ancora una volta… Jason Beghe.
Chicago PD
Chicago PD 5

Hannah è lì, Hank entra dal retro. Se usciranno con quelle pistole tra le mani, non riusciranno a fare un singolo passo prima che sia tutto finito. Hank urla, prega, vuole solo salvare Hannah. Ma il suo ragazzo decide di uscire e porta Hannah con sé. Due secondi, non uno di più. Voight esce fuori, il corpo di Hannah è disteso a terra senza vita. Le lacrime riprendono a bagnarmi il viso e la sola cosa che riesco a ripetere è: Chicago PD non avrebbe ragione d’esistere senza Hank Voight.
Hank e Alvin sono insieme. Un bicchiere per dimenticare e il ricordo di Camille mentre queste parole risuonano nell’aria: “I’m so sorry“.
Chicago PD
Chicago PD 5

E per restare sempre aggiornati su ciò che accadrà in Chicago PD, non dimenticate di seguire le : One  Chicago Italy. ϟ –  Chicago Fire e Chicago P.D. Italia – Antonio & Jay Italia ღ – Jon Seda Italia –  Chicago P.D. Italia  – Marina Squerciati Italia – Patrick John Flueger Italia  

Share this article