Sondaggi Napoli 2016, de Magistris avanti su candidato M5S e Lettieri

di Donato De Sena | 24/02/2016

Sondaggi Napoli 2016

Nuovi sondaggi sulle liste e i candidati a sindaco alle Elezioni 2016 a Napoli

Gli ultimi sondaggi sulle intenzioni di voto alle Elezioni 2016 nella città di Napoli risevano delle novità. Tutte le rilevazioni effettuate nei mesi scorsi avevano descritto una situazione di sostanziale equilibrio tra tutti gli schieramenti politici in campo. Ora sembra che il sindaco in carica Luigi de Magistris, a capo di una coalizione di liste civiche e movimenti e partiti di sinistra, sia in vantaggio su ogni altro avversario, sia sul centrodestra che sostiene Gianni Lettieri, che sul centrosinistra e il Movimento 5 Stelle. A parlare chiaro sono i numeri eleaborati dall’istituto demoscopico di Alessandra Ghisleri Euromedia Research pubblicata stamane sul quotidiano Il Mattino.

Sondaggi Napoli 2016
Il sondaggio di Euromedia Research per Il Mattino sulle intenzioni di voto ai candidati a sindaco di Napoli

Elezioni Napoli 2016: quando e come si vota per il sindaco alle Comunali

SODNAGGI  NAPOLI 2016, DE MAGISTRIS STACCA LETTIERI E M5S

Secondo il sondaggio realizzato il 16 febbraio de Magistris oscilla oggi tra il 39,1 e il 41,8% del consenso (a seconda dello scenario ipotizzato) staccando nettamente, nell’ordine, M5S, Lettieri e il candidato del Pd (che verrà scelto con le primarie del 6 marzo). Il candidato dei 5 Stelle otterrebbe invece poco più di un quinto dei voti, il 20,3% nella peggiore delle ipotesi, il 21,8% nella migliore. Lettieri, già in campo da molti mesi con il sostegno di alcune liste civiche e sostenuto anche da Forza Italia e ad altri partiti di centrodestra, viene segnalato circa un punto più in basso, tra il 19,3 e il 20%. Più complesso il quadro della situazione nel centrosinistra. Euromedia ipotizza in questo caso due scenari: la vittoria delle primarie da parte dell’ex sindaco di Napoli ed ex governatore campano Antonio Bassolino o il successo dell’altra protagonista della sfida, la deputata Pd Valeria Valente. Bassolino viene stimato precisamente al 15,3 o 15,6%. Valente al 16,2 o 17,6%. Le percentuali sono molto basse per ogni altro aspirante sindaco. Se dovesse decidere di correre da solo, il leader napoletano di Fdi Marcello Taglialatela porterebbe a casa secondo il sondaggio l’1,5 o 1,7% delle preferenze, meno di quanto otterrebbe l’ex europarlamentare Pdl Enzo Rivellini, che viene stimato all’1,9 o 2%.

Sondaggi Napoli 2016
Gli ultimi sondaggi sulle intenzioni di voto alle liste alle Elezioni 2016 a Napoli

SONDAGGI NAPOLI 2016, PD E M5S NETTAMENTE IN TESTA TRA I PARTITI

Ben diverso è il quadro relativo al consenso delle liste, segno che le Elezioni 2016 a Napoli potrebbero essere caratterizzate da un elevato tasso di voti disguinti. Dal sondaggio sulle preferenze ai diversi simboli, alle liste, emerge lo stesso equilibrio delle precedenti rilevazioni: la coalizione a sostegno di de Magistris risulta quarta, e non prima come il candidato nel confronto con gli altri aspiranti sindaco. Nel dettaglio, lo schieramento di centrosinistra guidato dal Pd (il partito di Renzi viene segnalato al 23,9%) raggiunge il 25,2% se si considerano anche alleati dei Democratici come il Psi (1%) e l’Idv (0,3%). Più su rispetto al centrosinistra c’è invece il centrodestra di Lettieri, al 28,2% (con Forza Italia al 14,3% e liste legate al candidato al 4,1), ma bisogna tenere in considerazione la possibilità che una lista Taglialatela (al 2,3%) e Fratelli d’Italia (all’1,5%) decidano di non appoggiare l’imprenditore. Il Movimento 5 Stelle, intanto, viene indicato al 23,7%. La coalizione di de Magistris, infine, al 20,5% se non si considera l’Idv, che – come detto – in queste settimane risulta vicina ai Democratici.

I dati sulle liste confermano sostanzialmente il sondaggio realizzato tra il 15 e il 20 gennaio per il talk show di La7 Piazzapulita da Index Research, che ha indicato il centrodestra al 29%, Movimento 5 Stelle e coalizione de Magistris al 24 e il centrosinistra al 23. In quel caso però il consenso veniva stimato considerando sia le intenzioni di voto al candidato sindaco che ai partiti a suo sostegno.

(Foto di copertina: ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO)