Processo Escort, le intercettazioni di Silvio Berlusconi saranno utilizzabili

di Redazione | 11/02/2016

Silvio Berlusconi intercettazioni

Silvio Berlusconi intercettazioni: saranno utilizzabili una serie di conversazioni del Cav nel processo Escort a Bari 

La Camera dei deputati ha approvato l’autorizzazione all’utilizzo di sedici intercettazioni e conversazioni nel procedimento a carico dell’allora deputato ed ex premier Silvio Berlusconi che era stata richiesta dal giudice per l’udienza preliminare del tribunale di Bari. A favore hanno votato a favore 335 deputati, contrari 63, astenuti 14.

Guarda anche: Silvio Berlusconi e il Milan, 30 anni di storia

Guarda lo speciale di Giornalettismo sulle Elezioni 2016: le Comunali

SILVIO BERLUSCONI INTERCETTAZIONI

Silvio Berlusconi, ex presidente del Consiglio e leader di Forza Italia, è indagato per induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci nel processo Escort a carico di Gianfranco Tarantini.

Leggi anche: Processo Escort, il verdetto: Tarantini condannato a 7 anni e 10 mesi

SILVIO BERLUSCONI INTERCETTAZIONI, LE ACCUSE

L’accusa, come si legge nella relazione della giunta per le autorizzazioni di Montecitorio, «tramite offerte e promesse di versamento di denaro ed altre utilità Giampaolo Tarantini sarebbe stato indotto a mentore nel dichiarare che Berlusconi non avesse corrisposto compensi ad alcune donne da lui presentategli e ad essere reticente sui contatti avviati per il tramite di Berlusconi con i vertici del Dipartimento della Protezione civile, del gruppo Finmeccanica e delle società ad esso collegate».