Scandalo sessuale Usa in arrivo su Usa 2016?

di Redazione | 08/02/2016

scandalo sessuale Usa

Scandalo sessuale Usa

, una lista di clienti di un’agenzia di escort mantenuta segreta per diversi anni potrebbe contenere rivelazioni rilevanti per quanto riguarda le presidenziali statunitensi. La campagna di Usa 2016 potrebbe essere contraddistinta da un nuovo scandalo sessuale.

SEXGATE

Da ormai molti decenni la politica americana è associata al concetto di scandalo sessuale negli Usa. La campagna presidenziale di Gary Hart nel 1988 distrutta dalla sua foto che lo ritraeva con l’amante vicino alla loro barca così come tutti gli scandali che hanno coinvolto Bill Clinton sono alcuni dei casi in cui vicende a sfondo sessuale hanno cambiato il corso della politica americana. Ora un vecchio scandalo, esploso quasi una decina d’anni fa , potrebbe invece avere conseguenze per quanto riguarda le presidenziali di martedì 8 novembre 2016, già iniziate con l’avvio delle primarie di Usa 2016. Un avvocato americano ha infatti chiesto di desecretare la lista dei clienti dell’agenzia di escort di Deborah Jeane Palfrey. Si tratta di 825 nomi, finora mantenuti nascosti su decisione della magistratura americana, tra cui ci sarebbero anche politici coinvolti nella campagna per le presidenziali americane. La vicenda è esplosa nel 2007, quando la polizia federale americana Fbi aveva smantellato una rete di prostituzione di alto bordo gestita da una società di nome Pamela Martin and Associates. Questa azienda inviava escort, accompagnatrici così come massaggiatrici dietro un tariffario di circa 300 dollari l’ora. La società era gestita da Deborah Jeane Palfrey, che è stata condannata nel 2008 per il racket della prostituzione da lei organizzato. La donna, che ha negato le accuse rivolte nei suoi confronti, si è impiccata prima di conoscere la sentenza che avrebbe dovuto scontare.

LEGGI ANCHE

Primarie Usa 2016, come l’America sceglierà il suo nuovo presidente

SCANDALO LEWINSKY

Durante il processo a Deborah Jeane Palfrey la magistratura americana aveva deciso di sigillare il libro dei clienti della sua agenzia. L’ ex avvocato della donna suicidatasi, Montgomery Blair Sibley, ha iniziato una battaglia legale perchè le informazioni contenute in questo documento riservato siano diffuse al pubblico. Secondo il legale, che ne ha parlato in diverse TV americane, la pubblicazione dei nomi dei clienti della Pamela Martin Associates potrebbe avere una ricaduta rilevante sulle elezioni presidenziali di quest’anno. Il messaggio di Montgomery Blair Sibley non ha fornito ulteriori chiarimenti in merito, anche se pare difficile aspettarsi uno scandalo dell’importanza di quello di Monica Lewinsky. Lo scandalo legato a Deborah Jeane Palfrey aveva già avuto ripercussioni politiche, portando sull’orlo delle dimissioni un senatore repubblicano, David Vitter, che aveva confessato di esser stato un cliente dell’agenzia di escort Pamela Martin Associates. Vitter ha poi resistito, ed è riuscito a riconfermare il suo seggio. Randall Tobias, esponente dell’amministrazione Bush coinvolto nello scandalo sessuale, si era invece dovuto dimettere. Per il momento la stampa americana non ipotizza i possibili nomi presenti sulla lista segreta della Palfrey,che aveva come clienti politici, imprenditori, manager e noti professionisti.