Sanremo 2016: le bufale sui compensi

di Redazione | 15/02/2016

sanremo 2016 compensi bufale

Sanremo 2016 e le bufale sui compensi. Con la chiusura del Festival e la vittoria degli Stadio tornano puntuali insieme ai lavori per smontare le scenografie del teatro Ariston le polemiche legate ai compensi dei principali protagonisti della Kermesse a partire da Carlo Conti fino ai superospiti.

LEGGI ANCHE: CANZONI SANREMO 2016

SANREMO 2016 BUFALE SUI COMPENSI: LA REAZIONE DI LAURA PAUSINI

Laura Pausini si è arrabbiata molto per via delle numerose speculazioni legate all’ingaggio ricevuto per esibirsi come superospite al Festival di Sanremo 2016 tanto che sulla pagina Facebook dell’artista lo staff ha fatto capire senza mezzi termini che sarà loro cura denunciare testate e singoli soggetti che riportano notizie false sul cachet della cantante sottolineando inoltre come le cifre siano diverse a seconda delle testate, segno che le informazioni sul tema sono a dir poco lacunose.

SANREMO 2016 BUFALE SUI COMPENSI, GLI INSULTI A CARLO CONTI

E chissà che Carlo Conti, Gabriel Garko, Virginia Raffaele e Madalina Ghenea non rispondano allo stesso modo riguardo alle indiscrezioni sul loro compenso per i cinque giorni del Festival. Su Facebook nelle ultime ore sono comparse immagini in cui vengono riportate cifre senza che vi sia una conferma delle stesse. E, nonostante non ci sia alcuna ufficialità su quanto scritto, in rete è facile imbattersi in parole di puro odio nei confronti di coloro che ricevono “tanti soldi nostri”.

SANREMO 2016 BUFALE SUI COMPENSI, UN LAVORO VA SEMPRE PAGATO

I dati di ascolto hanno confermato che Sanremo 2016 è stato un successo. Questo grazie anche agli ospiti e alla squadra dei presentatori. Un lavoro va pagato, qualsiasi esso sia. E se per cinque giorni Sanremo ha tenuto davanti alla televisione più di 11.000.000 di spettatori è anche giusto dare un riconoscimento a coloro che si sono resi protagonisti di tali numeri. Non a caso Carlo Conti ha annunciato che condurrà anche Sanremo 2017, una scelta appoggiata dalla Rai.