Ryanair vuole comprare Alitalia

di Redazione | 31/08/2017

Alitalia

Non c’è pace per la compagnia aerea di bandiera italiana. «Per Alitalia è probabile uno spezzatino», ha detto oggi l’amministratore delegato di Ryanair, Michael O’Leary, in una conferenza stampa a Londra, aggiungendo che l’azienda irlandese è interessata «alla flotta» dell’azienda tricolore. «Ryanair – ha dichiarato l’ad – terrà la maggior parte del personale Alitalia, in particolare piloti ed ingegneri, se la sua offerta verrà accettata». E «sarà mantenuto anche il marchio Alitalia». A riferirlo Bloomberg.

 

LEGGI ANCHE > La fake news del milione di posti di lavoro del Jobs Act di Renzi

 

RYANAIR VUOLE COMPRARE ALITALIA

Ryanair – ha detto O’Leary, secondo quanto scrive il sito Reuters – sarebbe «interessata a fare un’offerta per tutta la flotta Alitalia», ma l’accordo «verrebbe bloccato» dall’Antitrust perché la compagnia irlandese arriverebbe a controllare oltre il 50% del mercato italiano. Quindi l’offerta Ryanair «sarà per 90 aerei Alitalia, compresi piloti, assistenti di volo e rotte», ha precisato. Comunque la proposta di acquisto della low cost irlandese per Alitalia – ha spiegato ancora l’amministratore delegato – dipenderà anche «da numero di esuberi, modifiche alle condizioni del personale e rinegoziazione dei leasing». Secondo O’Leary l’aspetto «più interessante di Alitalia è la sua flotta a lungo raggio» che «ha una forte capacità di crescita».

La notizia dell’interessamento di Ryanair all’azienda italiana non piace al governo. «Lo spezzatino di Alitalia – ha dichiarato in una nota il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini – sarebbe un errore gravissimo e lo dico da ministro della Cultura e del Turismo ribadendo la posizione più volte espressa dal governo». «Alitalia, al di là della proprietà, è comunque il primo pezzo di Italia che accoglie i visitatori in arrivo da ogni parte del mondo: gli aerei sono infatti il primo il luogo dove iniziare ad apprezzare il cibo, il cinema, l’arte, la bellezza e lo stile italiano. Ecco perché lo spezzatino di Alitalia sarebbe un errore gravissimo».

(Foto: ANSA / Daniel Dal Zennaro)